I proverbi nel basso vibonese

Visita anche il nostro sito: www.capovaticano.biz
Messaggio Promozionale

Piccola selezione di alcuni proverbi ed espressioni locali, comunementi usati nel linguaggio quotidiano di ogni calabrese residente nella provincia di Vibo Valentia

Proverbio in dialetto calabrese

Commento in italiano

Cu non avi sensu, megghiu nommu avi jorna Chi non parla in modo sensato è meglio che non esistesse.
Stendi i pedi pe’ quantu è longu u linzolu. Stendi i piedi per quanto è lungo il lenzuolo.
Abbasciati juncu ca a hiumara passa (ca aratru passa). Abbassati giunco che la fiumara passa (che l’aratro passa).
L’abitu non faci u monacu e a chirica non faci u previti. L’abito non fa il monaco e la tonsura non fa il prete

Proverbio in dialetto calabrese

Commento in italiano

Acqua davanti e ventu d’arredu. Acqua davanti e vento alle spalle
Acua passata non macina mulinu L’acua che ormai è passata non serve più a far girare la ruota del mulino
A coddara nci dissi o coddareju: arrassati ca mi tingi. Il pentolone disse al pentolino spostati che mi sporchi
A crapa si mungi e u zimbari si doli La capra viene munta e il montone si lamenta
Ad aprili ietta i zimbilli e cu non lavi si voli mentiri Ad aprile butta gli abiti pesanti, e chi non c’è l’ha se li vorrebbe mettere..
A farina si ndi iu pe’ lavatu La farina si è sprecata per il lievito.
A fimmina eni comu a minestra si na pigghi ngiru ngiru ti vrusci. La donna è come la minestra, se non la mangi in giro dove è più fredda ti bruci
A fimmina eni comu a crapa, mangia centu erbi e no’ ne mai cuntenta. La donna è come la capra, mangia cento erbe e non è mai contenta.
A gatta prescialora faci i gattareji orbi La gatta frettolosa dà alla luce i gattini ciechi.
Aguannu mi cridia mu campu letu c’avia nu quartu d’orgiu siminatu, poi vinni a giugnu mu lu metu ed era mangiatu du varvalacu Quest’anno credevo di vivere contento perchè avevo seminato un quarto d’orz, ma a giugno il tempo della mietitur, mi accorsi che era mangiato dalla lumaca.
Aiutati ca Dio t’aiuta. Aiutati che Dio ti aiuta.
A lingua non avi ossu ma ruppi u mastrossu La lingua non ha osso ma rompe l’osso (il mastrosso sarebbe il femore)
Alingua ti sarva e a lingua ti ruvina La lingua ti può salvare o ti può rovinare
A maiu non mutari saiu a giugnu mutati in tundu A maggio non cambiare abito a giungo puoi lasciare gli abiti pesanti
Amara a pecura c’avi i dari a lana Infelice la pecora che deve dare la lana
Amaru cu non avi u pani a casa soi Infelice chi non ha il pane a casa sua
A megghiu morti eni a subitania. La meglio moprteè quella improvvisa
A megghiu parola è chija chi no’ nesci La migliore parola è quella che non esce dallabocca
A mala erba non mori mai L’erba dannosa non muore mai
A mugghieri i l’autri è sempri meghhiu. La moglie degli altri è sempre migliore
A nuju pozzu a mugghierima pozzu Con nessuno riesco ad avere la megli, solo con mia moglie
A porta i Catanzaru nc’eni nu scrittu: fandi quantu ndi voi ca cca t’aspettu. Alle porte di Catanzaro c’è una scritta: combinane quanto ne vuoi che qua ti aspetto.
Cugini e cugini futtunu u primi Tra cugini si consuma il primo rapporto sessuale
A rroba i l’autri hiuri ma no’ liga. La roba degli altri fiorisce ma non da frutti.
A testae a cuda sugnu tosti a scorciari La testa e la coda sono dure a scorticare.
A troppa carità scianca a vertula. La troppa carità straccia la bisaccia.
A troppu cumpidenza è patruna da malicrianza La troppa confidenza è causa di cattiva educazione.
undi cantanu tanti gaji no’ faci jornu mai. Dove cantano tanti galli non fa giorno mai.
Aundi ti cridi ca u grassu spandi ja mancu oggiu i cavuli u cundi. Dove credi che il grasso è in abbondanza la non c’è nemmeno olio per condire i cavoli.
Aundi no’ c’è omu non c’è nomi Dove non c’è l’uomo non c’è nome
Aundi non ci su figghi no jiri ne pe’ sordi e ne pe’ cunsigghi. Dove non ci sono figli non andare ne per soldi e ne per consigli.
Aundi vai vai u mari è acqua. Dovunque vai il mare è acqua.
Calabrisi e muli no’ piscianu mai suli.

Calabresi e muli non pisciano mai da soli.

Ca luci da lumera ogni donna pari beja Alla luce del lume ogni donna appare bella
Campa cavallu ca l’erba crisci Campa cavallo che l’erba cresce.
Cani e puttani quandu su vecchi morunu i fami Cani e puttane quando saranno vecchi muoiono di fame.
Carta canta nto cannolu La carta canta nella canna.
Ca scusa du figghiolu a mamma si futti l’ovu Con il pretesto del bambino la mamma si mangia l’uovo.
C’è chiu jorna ca satizzi. Ci saranno più giorni che salsicce.

Proverbio in dialetto calabrese

Commento in italiano

Chiovi sempri nto vagnatu. Piove sempre sul bagnato
Chiu’ scuru da menzanotti no’ po’ fari. Più buoi di mezzanotte non può essere.
Chiju chi simini meti. Quello che semini raccogli.
Ciangi lu pecuraru quandu nghiela e no quandu mpugna a cucchiara. Si dispera il pastore quando c’è il gelo e non quando affonda il mestolo.
Cu’ arriva prima o mulinu macina u primu. Chi arriva prima al mulinu, macina per primo.
Cu avi sordi pocu, sempri cunta cu avi a mugghieri bella sempri canta. Chi ha pochi soldi sempre li conta, chi ha la moglie bella sempre canta.
Cu’ avi fortuna puru u gaju nci faci l’ova Chi ha fortuna anche il gallo gli fa l’uovo.
Cu’ cumanda non suda. Chi comanda non suda.
Tu voi a gutti china e a mugghieri ‘mbriaca Tu vuoi la botte piena a la moglie ubriaca.
Cu’ dassa avecchia pa nova sapi chi dassa ma no’ sapi chi trova. Chi abbandona una cosa vecchia per una nuova sa cosa lascia ma non sa cosa trova
Cu dassa a vecchia pa nova o mperrao nchiova. Chi abbandona una cosa vecchia per una nuova o ferra o inchioda.
Cu’ disia u mali d’autri u soi è mpressu. Chi desidera il male altrui il suo è vicino.
Cu’ di speranza campa dsperatu mori Chi di speranza vive disperato muore
Cu’ guarda cu’ l’occhi pigghia capocchi. Chi guardo con gli occhi prende capocchie.
Cu mangia prima e paga poi no’ caccia nenti du soi. Chi mangia prima e paga dopo non toglie niente del suo.
Cu nenti duna nenti ricivi. Chi niente dà niente riceve.
Cu’ nesci quadratu no’ po’ moriri tundu Chi nasce quadrato non può morire tondo.
Cu’ non avi bta confina soi no’ mangia mai all’ura soi. Chi non ha nella sua cesta non mangia mai all’ora che conviene.
Cu’ no’ sifaci i fatti soi ca lanterna cerca i guai Chi non si fa gli affari suoi con la lanterna cerca i guai.
Cu’ non senti mamma e patri ierrimu vaci pe’ li cuntrati Chi non ascolta mamma e padre sperduto cammina per le vie
Cu’ non faci testa non faci cuda Chi non fa testa non fa coda
Cu’ no’ pati no’ mpara Chi non patisce non impara
Cu’ paga avanti mangia pisci fitenti Chi paga prima mangia pesci puzzolenti
Cu’ patri e cu’ patruni no’ c’è ragiuni Con il padre e con il padrone non puoi avere ragione.
cu’ pecura si faci u lupu sa mangia Chi pecora si fa il lupo se la mangia
Cu perdi cappottu e ricupera mantu non perdi tantu Chi perde il cappotto e recupera il manto non perde tanto.
Cu’ si marita è cuntentu nu iornu cu’ ammazza u porcu è cuntentu n’annu. Chi si sposa è contento un giorn, chi ammazza il maiale è contento un anno.
Cu’ si mbivi u vinu avi u si mbivi a fezza. Chi ha bevuto il vino deve bere anche la feccia.
Cu’ si menti chi figghioli resta cacatu Chi si mette con i bambini si trova cacato.
Cu’ si pungi nesci fora. Chi si punge se ne può andare
Cu’ sparti avi a megghiu parti Chi divide ha la parte migliore.
Cu’ staci a speranza d’autri e no’ cucina veni a sira e canta a diana Chi sta nella speranza degli altri e non cucina arriva la sera e soffre la fame.
Cù’ tanta tila e cu’ nenti linzola cu’ tanta cumpagnia e cu’ dormi sula Chiha tanta tela e chi niente lenzuola chi ha tanta compagnia e chi dorme da sola.
Si stava megghju quandu si stava peggiu. Si viveva meglio quando il tenore di vita era peggio.
   

3 Comments

  1. pinuccio

    la calabria
    nn c’è niente di più bello che poter ancora parlare e sentire queste magnifiche parole in questa magnifica lingua!!

  2. pinuccio

    la calabria
    nn c’è niente di pi๠bello che poter ancora parlare e sentire queste magnifiche parole in questa magnifica lingua!!

  3. luca

    acqua davanti e vento alle spalle:

    sono molto incuriosito ed attirato da questo proverbio vorrei avere tutte le informazioni possibili ed immaginabili…come il significato l’etimologia ed quanto altro. grazie

Lascia un commento