Calendario sulla Calabria di Gaetano Toldonato

Su gentile concessione di Gaetano Toldonato, autore di un'affascinante serie di immagini dedicati alla nostra bella CALABRIA, pubblichiamo con grande piacere il suo Calendario 2010 giunto alla sua 18° realizzazione.

Leggendo la  nota biografica dell'autore, si avverte la storia di un calabrese emigrato dalla sua terra natia, che da tanti anni,  porta con se come patrimonio interiore: lo splendore, la ricchezza e la profondità di quella cultura pluri-millenaria che è stata madre feconda e culla delle arti liberali di tutto l'occidente. 

Il Calendario 2010 quest'anno lo ha dedicato alla CALABRIA dove ha raccolto una collezione emozionante di alcuni tratti importanti di ieri e di oggi della nostra terra. In esso si trovano "spezzoni" della nostra esitenza o dei nostri ricordi.

"Nonostante sia ormai giunto alla mia 18° realizzazione - racconta Gaetano Toldonato - ho faticato non poco a "scollare" le proiezioni dei miei sentimenti dalla necessità tecnica di dare un ritratto il più vario possibile, pur nei limiti modesti, imposti dalla necessità di rivisitare quanto più possibile in poche fotografie. Viva la Calabria!"

NOTA BIOGRAFICA
Gaetano Toldonato

La mia passione per la fotografia affiora nel 1975, quando, iniziando con esperimenti in bianco e nero, comincio a scoprire la valenza delle immagini centrate sui dettagli che, pur immersi nella rappresentazione paesaggistica ed architettonica della quotidianità esistenziale, sono testimoni parlanti della scala sociale a cui essi stessi appartengono. Questo modo di fare Fotografia, diviene spontaneamente il mio modo di ritrarre e documentare.

Dal 1978 inizio a collezionare materiale fotografico basandomi su temi predefiniti, maturando poi la necessità di vestire, in modo strutturato e godibile, la fruizione del complesso delle immagini raccolte.
Le conoscenze maturate nell’ambito della ricerca storiografica sul cinema di animazione di Norman McLaren e la concomitante passione musicale, convergono, in modo del tutto naturale, nella realizzazione di sistemi multimediali che fondono, in modo indissolubile, le immagini con il suono.

Nel 1979 progetto il mio primo documentario: il tema è la straordinaria Venezia. Una settimana di riprese fotografiche, due mesi per la scelta ed il sequenziamento delle immagini e ben sei mesi per scoprire la loro musica. Presento il mio primo documentario “Ottobre a Venezia” a metà 1980.

I documentari si susseguono nel tempo, al ritmo di uno o più l’anno, con una costante cadenza produttiva, e la loro presentazione, accompagnata dalla presenza di un pubblico sempre crescente, si è tenuta presso le sale conferenze di enti ed associazioni culturali varie, in teatri, piazze od in concomitanza di eventi e manifestazioni di particolare rilievo.

Il primo vero riconoscimento “ufficiale” arriva nel 1986, quando, la Biennale Internazionale di Fotografia mi commissiona, per la seconda edizione del 1987, un documentario che fosse lo specchio parlante della Torino del momento: nasce “Torino da capo”, un documentario intriso di realismo e di speranzose istanze di riscatto socio-ambientale.

Dopo tale gratificazione artistica, l’attività fotografica prosegue sino ad oggi, con lo sviluppo di nuovi documentari e con la produzione di calendari tematici per alcune aziende di Torino, giungendo sino al mio calendario per il 2010, che quest'anno è dedicato alla CALABRIA.
Il calendario è costituito da una serie di immagini con cui ho cercato di dare risalto di alcuni tratti importanti di ieri e di oggi, con la speranza che anche il visitatore, guardandole, le trovi emozionanti e che possa ritrovarvi "spezzoni" della propria esistenza o dei propri ricordi.

In CALABRIA io ci sono nato. Di essa vivo interiormente il patrimonio, con tutto lo splendore, la ricchezza e la profondità della cultura pluri-millenaria che è stata madre feconda e culla delle arti liberali di tutto l'occidente.

www.gaetanotoldonato.it

Copyright: Il calendario 2010 in formato PDF è di esclusiva proprietà dell'autore  - privato cittadino - e può essere redistribuito, per sole finalità culturali, purchè senza fini o scopi di lucro. E' vietato qualsiasi altro tipo di utilizzo, anche parziale, compreso quello commerciale, senza autorizzazione dell'autore.

Nessun commento ancora

Lascia un commento