Il canto religioso

di Domenico Caruso

Il sentimento religioso calabrese si esprime con preghiere, racconti e composizioni poetiche di antica provenienza che, nel corso dei secoli, il popolo ha fatto propri. Tramandati dai padri, come memoria del loro legame con il sacro, i canti si ispirano alla dottrina ufficiale della Chiesa e risultano in stretto rapporto con le circostanze e l’ambiente specifico. Anche se spesso si riscontrano varianti da un luogo all’altro, la dignità del linguaggio e l’alta spiritualità che si manifesta meritano un esame attento e particolare.

Al contributo degli studiosi del passato, fa seguito e ci onora quello dei personaggi del nostro tempo. Pertanto, è con legittimo orgoglio che segnalo il prof. Rocco Giuseppe Tassone, Cavaliere dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana, nato a Candidoni (RC) nel 1961 e residente a Gioia Tauro.

Tra le sue pubblicazioni ho scelto, a confronto con le mie ricerche: 1) Miraculu di Ddiu chira matina…; 2) E jeu no’ mi movu di cca’ si Maria la grazia no’ mi fa’… – Ediz. Premio "Umanità, Fede e Cultura" – Un viaggio etnografico-glottologico tra preghiere e canti religiosi in Calabria – (rispettivamente del 2002 e del 2007). Nella prefazione del 2° volume, Tassone afferma:

Sono cresciuto ascoltando i vecchi, / seduti attorno alla ruota con il braciere, / raccontare storie. / Storie d’amori, di miracoli. / Storie di tragedie, di giovani amanti / partiti e mai tornati / dalle terre di guerra: / padri che hanno sepolto i loro figli! / […].

Ne Il canto religioso in Calabria da me pubblicato su Calabria Letteraria – (Anno XXXII n. 4/6 – Aprile-Giugno 1984) figurano le preghiere che nonna Vincenza Femìa di Laureana di Borrello mi ha insegnato.

Al risveglio mattutino, così i fedeli ripetono il Segno di Croce:

Gesù, quandu mi levu la matina

dicitimmillu Vui com’haju a fari,

mandatimi l’Angelu pe’ guida

pe’ nommu cadu ‘n peccatu mortali.

Mentre ci si veste, il pensiero va rivolto congiuntamente alla Santa Vergine ed al Suo diletto Figlio:

Vaju pe’ la strata e pe’ la via,

m’affrunta Gesù e Maria:

– Bongiornu a Vui, Rigina,

tuttu lu mundu pe’ Vui s’inchina

e sempri s’inchinerà

pe’ la Vostra dignità;

ca’ Vui siti la mamma

e Vostru Figliu è gigliu:

prima salutu la Matri

e po’ lu Figliu! –

Durante il giorno si sente bisogno della protezione divina:

Gesù mio grandi e potenti,

liberatindi di’ mali genti;

pe’ la Vostra curuna di spini

‘u ‘ndi liberati di’ mali vicini

e pe’ li Vostri santi tri chiova

‘u ‘ndi liberati d’ogni mala nova.

Una particolare invocazione viene espressa sul finire della giornata, nell’andare a letto:

Gesù mio, sàcciu la curcata

ma non sàcciu la levata:

l’anima mia cu’ Vui è raccomandata.

Ca’ se lu nemicu venissi

e jeu non lu sentissi,

Vi fazzu la curpa mia

ora pe’ tandu!

A tale proposito merita di essere ricordato l’episodio di una fedele che, pur trascurando il Sacramento della Penitenza, recitava puntualmente ogni sera detta preghiera. Alla domanda del sacerdote circa la data dell’ultima confessione, è intervenuto l’Angelo Custode della donna per affermare che la sua protetta risultava già purificata da ogni peccato.

Nel suo primo libro, anche il prof. Tassone si sofferma sul raccoglimento serale. A Candidoni, infatti, una signora gli ha riferito la sua preghiera:

Jeu mettu ‘i spari (le spalle) a lettu, / tri Angiali chi m’aspettanu, / si la morti mi venissi / jeu no’ lu sapissi. / La Madonna ‘nd’è mamma, / lu Signuri ‘nd’è patri, / l’Angiali di lu celu / ‘ndi sugnu soru e frati. / La Madonna sup’ ‘a cascia chi ‘mpascia, / l’Angialu sup’ ‘e ceramidi chi scrivi, / Jesù meu accompagnatimi stanotti, / nommu moru cu’ mala morti; / accompagnatimi ‘u matinu, / nommu moru cu’ malu distinu, / accompagnatimi pe’ ‘n eternu / nommu moru e ‘u vaju allu ‘mpernu.

Ed ancora, sul tema della sera, l’amico Tassone riporta:

Mi curcu cu’ Ddeu, / cu’ Marcu e cu’ Matteu, / cu’ Luca e cu’ Giovanni / e cu’ lu Signuri randi. / A lu capizzu San Filippu, / a li pedi San Micheli, / a la scala l’Angiulu ‘nchiana, / a la porta l’Angiulu accosta. / Signuri meu Vui siti patri, / Madonna mia Vui siti Matri, / tutti l’Angiuli mi su’ frati. / I serafini su’ i mei cugini; / ora ch’haju st’amici fidili, / la Cruci mi fazzu / e mi mentu a dormiri!

Gli antichi ritenevano che, durante la Notte Santa, avvenissero eventi straordinari. La natura era disposta ad accogliere il Divino Bambino, gli animali acquistavano il dono della parola e le piante producevano frutti meravigliosi.

La poesia natalizia esalta questa gioia universale e, per la prima volta, tenendo presenti le versioni della Piana, nel noto canto che segue da me pubblicato (v. Calabria Letteraria – Anno XXXI n. 10/12 – Ottobre-Dicembre 1983), ho ritoccato alcune storpiature. L’originale è del mio paese, S. Martino di Taurianova. So bene che l’illustre etnografo Raffaele Lombardi Satriani (1873-1966) si sarebbe rivoltato nella tomba, ma in tal modo potrò evitare una noiosa serie di note. Dal primo verso prende nome l’autentico inno religioso:

Allestìtivi, cari amici, / ca su’ jorna di Natali, / oh chi festa, oh chi trionfali / di gloria Patri! // A li Celi gran festa si faci, / a la Chièsia càntanu ancora / e la terra già ‘ndi odora / di rosi e fiori. // E’ nesciutu lu Redentori, / porta beni, porta vita / e ogni grazia e noi ‘ndi ‘mbita / all’unioni. // Porta grazii pe’ li boni, / pe’ li mali lu so’ aiutu: / tutti quelli chi l’hannu perdutu / lu vannu a trovari. // E lu vaci a ritrovari / cu’ ha lasciatu la bona via: / ca a lu Celu non s’arriva, / c’è lu sigillu. // Non guardati ch’è piccirillu, / ca jè grandi e onnipotenti, / è sicuru ed assistenti / fino alla morti. // Figliu natu di menzanotti, / figliu nudu e povarellu, / omu tantu rispettusellu / è ‘nta la paglia! // E’ copertu cu’ ‘na tovaglia, / è copertu cu’ ver’amori, / la so’ mamma cu’ tanto splendori / lu stringi al pettu. // O divinu me’ Pargolettu, / li Sant’Angeli calaru / e Maria la cumbitaru / a la capanna. // Chida notti chi chiovìa manna, / chida notti desiderata, / l’erbiceda non era nata / e spandìa meli. // Risplendenti chi siti a lu Cielu, / risplendenti chi siti a la grutta, / risplendenti è l’aria tutta / ch’è maiestosa! // E lu voi cu’ l’asinellu / ch’adoravanu lu Gran Santu, / San Giuseppi ch’è vecchiarellu / è veneratu. // Si cogghjru li pasturi / tutti attornu a la capanna, / adoravanu lu Missìa / e la Madonna.

(«Sbrigatevi, cari amici, / poiché son giorni di Natale, / oh che festa, che trionfo / di gloria al Padre! // In Cielo è gran festa, / in Chiesa si canta ancora / e la terra già odora / di rose e fiori. // E’ nato il Redentore, / porta bene, porta vita / e ogni grazia e c’invita / all’unione. // Porta grazie per i buoni, / per i cattivi il suo aiuto: / tutti quelli che l’hanno perduto / lo vadano a trovare. // E lo vada a ritrovare / chi ha lasciato la buona via: / al Cielo non si arriva, / c’è il sigillo. // Non guardate ch’è piccolino, / Egli è grande e onnipotente, / è sicuro amico ed aiuta / fino alla morte. // Figlio nato di mezzanotte, / figlio nudo e poverello, / uomo degno di rispetto / dentro la paglia! // E’ coperto da una tovaglia, / è coperto di vero amore, / la sua mamma con tenerezza / lo stringe al petto. // O divino mio Pargoletto, / gli Angeli santi son discesi / ed hanno invitato Maria / nella capanna. // Dal cielo pioveva manna / quella notte desiderata, / l’erbetta non era ancora nata / e spandeva miele. // Che splendore per voi nel Cielo, / che splendore per chi è alla grotta, / risplendente è l’aria tutta, / che è maestosa! // Ed il bue e l’asinello / adoravano il Gran Santo / e San Giuseppe vecchiarello / è venerato. // Si son radunati i pastori / tutti attorno alla capanna, / adoravano il Messia / e la Madonna»).

Nella variante, trascritta dal prof. Tassone, si fa riferimento ai doni offerti al Bambino Gesù:

[…] Pe’ finiri ‘sta bella storia, ‘ndinocchiuni / stettaru ognunu, si levaru li soi duni / e li regali: nenti sugnu e nenti valu / graziuseju Bambineju meu ti fazzu / ‘nu letticeju ‘nta ‘sti vrazza, pe’ cuscinu / e materazzu centu torci s’alluminaria / avanti a la Vergini Maria […] .

Un posto di rilievo nella pietà popolare calabrese è riservato alla Santa Vergine che, con titoli diversi viene venerata dovunque. A Lei sono dedicati numerosi Santuari, come quello di Polsi. Scrive il prof. Tassone nel suo 2° volume:

Santa Maria di Porzi, / Santa Maria di Porzi, / o gran Regina / la Vergini bella! / Chi cumparistuvu a menzu a du’ fiumari; / e là cumparzi ‘na chiesolina / e tantu bella chi sbrenduliava. / Miraculu di Diu chilla matina! / Lu so’ massaru lu iencu cercava: / vaii e lu ‘rriva ‘ncrinatu a la spina / e ‘ndinocchiuni la Cruci adurava […] .

Il suggestivo Santuario della Madonna di Polsi, come ha scritto l’illustre poeta e umanista taurianovese Francesco Sofia Alessio (1873-1943) nella prefazione al suo poemetto Feriae montanae, «fu fondato al tempo di Ruggiero il Normanno, dopo che un pastore vide un torello genuflesso dinnanzi ad una Croce greca, che si conserva ancora, e dopo l’apparizione della Vergine, che volle un tempio nella Valle di Polsi per richiamare intorno a sé i fedeli di Calabria e di Sicilia. Innumerevoli sono i miracoli della Vergine della Montagna e le grazie concesse. Nell’anno 1771, i Principi di Caraffa, ottenuta per intercessione di Maria prole maschile, si recarono al Santuario per ringraziare la Vergine, ma giunti presso Bovalino il bambino morì. I Principi, composto il corpicino in una bara, ripresero il viaggio con la ferma fede che la Madonna lo avrebbe restituito in vita. Entrati nel Santuario esposero sull’altare il cadaverino e cominciarono a recitare le litanie, e quando si venne all’invocazione Sancta Maria De Polsis il bambino aperse gli occhi e tornò in vita…».

L’episodio è riportato pure nel canto da me raccolto (v. Storia e Folklore Calabrese del 1988):

[…] Nc’era un principi cavaleri / chi figghjoli non avìa / e pregava Maria cunsolu / mu ‘nci manda ‘nu bellu figghjolu. // – Se Maria mi manda ‘u figghjolu / a li tri anni ‘nci lu pisu d’oru! – / Lu miraculu ‘nci lu mmostrau: / lu picculinu ‘nci lu mandau. // E finendu li tri anni / si mìsaru ‘n caminu: / quandu arrivaru a Bovalinu / ‘nci morìu lu picculinu. // – Comu fazzu, me’ summa Rigina, / mortu Vu portu pe’ chista matina; / comu fazzu, Rigina sagrata, / mortu Vu portu pe’ chista jornata! – // Arrivaru a la Chiesija santa / e lu mìsaru supra l’artaru, / la litania ‘nci cuminciaru, / e finendu la litania / lu picculinu chiamava a Maria. // – E pigghjati ‘ssu filanzuni / mu pisamu lu me’ figghjolu: / quantu pisa lu me’ figghjolu / d’oru e d’argentu lu vògghju lasciari!

In altri paesi della nostra Piana si venera l’effigie della Vergine della Montagna. Il prof. Tassone registra l’invocazione che i pellegrini rivolgono a quella di Galatro:

(Voce) Jeu mi partivi di tantu luntanu / mu vegnu pemmu arrivu la Madonna, / e la Madonna pari ‘na culonna, / la fidi ferma e la speranza torna! // (Coro) E li stelli attornu attornu / e la luna sprendori ‘nci dà, / e cu’ lu dici di sira e matina / di la Madonna cuntentu sarà. […] // E jeu no’ mi movu di ccà / si ‘sta grazia Maria no’ mi fa. / Facitimmìlla Madonna mia, / facitimmilla pe’ carità! […].

Siamo certi che, se proprio non materialmente, la Divina Madre consola nello spirito tutti i suoi devoti.

(L’argomento è stato trattato da Domenico Caruso nella rivista La Piana di Palmi-RC – Anno X n. 1 – Gennaio 2011).

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento