User : calabr5

Path : /home/calabr5/public_html/calabresi.net

wdp_mail

Eni... sulu problemi - Un brano denuncia dell'artista crotonese Vittorio Rocca - Calabresi.net

Eni… sulu problemi – Un brano denuncia dell’artista crotonese Vittorio Rocca

Ecco l’ultima opera del cantautore crotonese Vittorio Rocca, "Eni…. sulu problemi", un brano che lo stesso autore definisce "un messaggio per tutto quello che dall’ultima piattaforma dell’Eni è scaturito, spero possa contribuire in musica con un positivo messaggio"

Eni… sulu problemi – Scarica l’MP3. 

Guarda anche il video messaggio accompagnato dalla canzone "Eni…. sulu problemi".

Per dare qualche informazione in merito ai nostri utenti, si vuole informare tutti gli Italiani che il 16% del fabbisogno nazionale di metano, deriva dall’estrazione delle piattaforme di Crotone; per i crotonesi ed i calabresi questa non è altro che una grande beffa.

Infatti tranne le misere royalties elargite alla città, la presenza degli impianti ENI portano molti disaggi in ambito turistico ed ambientale e nessun altro guadagno, inoltre le bollette del gas, vengono pagate dai cittadini senza agevolazioni.

Se calcoliamo poi, i danni creati alla industria ittica, la farsa alle popolazioni locali non ha eguali, essi subiscono drastiche riduzioni dell’area di pesca e un mare ormai quasi privo di fauna, per via delle fastidiose onde sonore che le piatteforme creano durante l’estrazione.

Vittorio Rocca in questo senso intende diffondere un messaggio per sensibilizzare tutti coloro che hanno il compito ed il dovere di intervenire con concrete azioni, al fine di salvaguardare l’ambiente e tutte le risorse che fino a prova contraria appartengono alle popoplazioni del territorio.

I Calabresi ed i Crotonesi in particolare, sono del tutto incoscienti del fatto che l’ENI "succhia"  queste risorse senza contropartita, favorendo la propria ricchezza a discapito dei quei cittadini, che subiscono già una povertà geografica, imposta per volontà storica da governanti negli avvenimenti degli ultimi 150 anni.

Nessun commento ancora

Lascia un commento