CANTO NATALIZIO AQUILANO: “FANTASIA… ‘E NATALE”

FANTASIA… ‘E NATALE
(Fantasia…di Natale)

Versi di Antonio CIMORONI
Musica di Camillo BERARDI

1^ STROFA

Mille bajiori mmezz’a lla valle,
gente che gira pe’ Bettelemme.
Mastru Giuseppe mette Maria,
sopra ‘nu ciucciu lungu la via.
E’ tuttu pînu case e locande,
‘nturnu le mura ce nne so’ tante.
‘na pipinara spanne rumore,
pe’ allocasse sa ta’ ji’ fore.

1° RITORNELLO

E’ natu è natu vaj’a vede’.
‘Entru ‘na stalla s’accomodatu.
Mamma Maria non sa che fa’,
pianu se mette da sola a canta’.

Quantu sci’ vispu quantu sci’ bbeju
me pari propriu ‘nu passareju.
Senteme bbonu non te reota’
statte copertu te po’ raffredda’.


2^ STROFA

Dorme picciusu sempre se lagna,
strittu a ‘na culla fatta de pajia.
Santa Maria pronta pe’ da’,
‘na pupazzetta ‘a faji suga’.
Passa ‘na stella ‘rossa s’ammira,
‘ncim’aju monte lestu cammina.
Fiacca la luci a lla capanna,
j’asinu dorme ju bboe magna.

2° RITORNELLO

E’ natu è natu vaj’a guarda’.
‘Entru ‘na stalla s’accomodatu.
Piagne de core se st’agita’,

Santu Giuseppe ju ta’ ‘nnazzica’.
‘Nnazzicareju ’nnazzicareju
fatte ‘nu sonnu non te resvejio.
Domammatina a jornu verra’,
‘na ciaramella pian pianu a sona’.


3^ STROFA

J’angeli ‘ncelu a tutte l’ore,
porteno mmani frunn’a colore.
Giallu doratu da luccica’,
azzurr’e verdi pe’ mmesteca’.
Da ogni locu voce resona,
tra tanta folla che se consola.
Pe’ ‘nu regalu fattu corrènno
danno cunsijiu strai facènno.

3° RITORNELLO

E’ natu è natu vaj’a tocca’.
‘Entru ‘na stalla s’accomodatu.
Zumpa de gioia se vo’ rizza’,
Santu Giuseppe ju ta’ recchiappa’.

‘Nnazzicareju ’nnazzicareju
fatte ‘nu sonnu non te resvejio.
Domammatina a jornu verra’,
‘na ciaramella pian pianu a sona’.


FINALE

‘Ntantu ju bboe arrecchia a senti’,
j’asinu rajia lo fienu è pe’ ti’.
Santa Maria s’acconcia a pijia’
‘nzinu ju fijiu pe’ daji a magna’.

Zittu zittu asinu me’.
Lo vo’ sape’?
Justu pecche’?
E’ ‘ncuminciata la storia ‘e nu Rre.



 FANTASIA… DI NATALE
(traduzione letterale in lingua)

Versi di Antonio CIMORONI
Musica di Camillo BERARDI

1^ STROFA

Mille bagliori in mezzo alla valle,
gente che gira per Betlemme.
Mastro Giuseppe pone Maria
sopra un asino lungo la via.
E’ tutto pieno, case e locande,
intorno alle mura ce ne son tante.
Molta gente chiassosa diffonde rumori,
per trovare un alloggio si deve andar fuori.

1° RITORNELLO

E’ nato, è nato, vai a vederlo.
Dentro una stalla si è sistemato.
Mamma Maria non sa cosa fare,
piano incomincia a cantare da sola.
Quanto sei vispo quanto sei bello
Mi sembri proprio un passerotto.
Sentimi bene, non rigirarti,
stai coperto, potresti raffreddarti.

2^ STROFA

Dorme smanioso, sempre si lagna,
stretto in una culla fatta di paglia.
Santa Maria è pronta ad offrirgli,
una tettarella da fargli succhiare.
Passa una stella grossa, s’ammira,
alta sul monte velocemente cammina.
Debole è la luce all’interno della capanna,
l’asino dorme e il bue mangia.

2° RITORNELLO

E’ nato, è nato, vai a guardarlo’.
Dentro una stalla si è sistemato.
Piange di cuore ed è irrequieto,
San Giuseppe lo deve cullare.
”Nnazzicareju”, “nnazzicareju”
Fai un bel sonno non ti risveglio.
Domani mattina di giorno verrà,
una ciaramella pian piano a suonare.

3^ STROFA

Gli angeli in cielo a tutte le ore,
portano in mano ramoscelli di ogni colore.
Gialli dorati da luccicare,
azzurri e verdi per mescolare.
Da ogni parte risuonano voci,
tra tanta folla che si consola.
Per un regalo fatto correndo
si danno consigli strada facendo.

3° RITORNELLO

E’ nato, è nato, vai a toccarlo.
Dentro una stalla si è sistemato.
Salta di gioia, vuole alzarsi,
San Giuseppe lo deve acchiappare.
”Nnazzicareju”, “nnazzicareju”
Fai un bel sonno non ti risveglio.
Domani mattina di giorno verrà,
una ciaramella pian piano a suonare.

FINALE

Intanto il bue si mette ad ascoltare,
l’asino raglia: “il fieno è per te”.
Santa Maria si appresta a prendere
in braccio il figliolo per dargli da mangiare.
Zitto, zittu asino mio.
Lo vuoi sapere?
Certamente, perchè?
E’ iniziata la storia di un Re.

Ing. Camillo Berardi

Nessun commento ancora

Lascia un commento