Racconto: Cambiar Vita – Capitolo 41

Visita anche il nostro sito: www.frantoio.biz
Messaggio Promozionale
di Raffaelel Fameli
 Capitolo 41

William, corse come un pazzo furioso per raggiungere la casa di Alen. Ancora tremava per l’incontro che aveva avuto con Erik. Il suo scopo era comunque quello di andare subito ad avvertirli; non poteva tardare poiché, se lo avesse fatto sarebbe stato Erik ad arrivare prima. L’automobile di Wiliam passò oltre a tanti semafori rossi, ma, il disegnatore non badava di certo al codice stradale. Non si poteva permettere il lusso di non avvertire Alen. Pigiando come un disperato l’acceleratore arrivò fino all’abitazione di Alen, e sospirando forte, coperto di sudore, scese dalla macchina con passo tremante. Gran Ma se ne era già andata con Scott, ma disse ad Alen che sarebbe ritornata l’indomani. Tutti i nostri amici erano seduti sul divano a guardare la tv. Il disegnatore bussò di fretta alla porta. I nostri quattro amici sobbalzarono, e Ciop disse: “Chi sarà mai a quest’ora?? E’ tardissimo!!” 

Cindy, guardò la porta e si strinse a Ciop dicendo: “Sarà qualcuno che viene a portarci una brutta notizia!! Me lo sento!! Amore, io ho paura!!” Alen, che si era alzato per andare ad aprire disse con voce stizzita: “Per voi sempre brutte notizie ci devono essere? Cosa ci può essere di peggiore a parte quello che stiamo vivendo? Siamo già rovinati!” Terry, guardando Alen disse: “Amore! Al peggio non c’è mai fine!”. Alen guardando male la poveretta aprì la porta. Il poveretto si vide davanti come un fantasma William in uno stato da far pietà. “Signor Alen! Devo parlarvi…” E scansando Alen entrò in casa. Ciop stringeva a se Cindy e balbettò: “Erik è qui in città?? E’ vero??” Alen si girò verso Ciop guardandolo come se avesse voluto mangiarselo. Il disegnatore, si sedette su una poltrona dicendo: “E’ proprio così! Erik è qui! Ma c’è dell’altro!” Alen e Terry sbiancarono in viso. “Vedete… ho incontrato Erik, mi ha detto delle cose impressionanti! Non è l’uomo che credevamo. Ve lo assicuro! Lui non disegna solamente le storie ma fa parte di esse… insomma, non so come dirvelo ma Erik fa parte del mondo di Ciop e di Cindy! Lui è un personaggio!” Alen cadde sopra il divano a peso morto, e guardando William disse: “Già lo sospettavamo! E’ venuta una gufa e ci ha raccontato determinati episodi! Ma, chiedo scusa, com’è possibile che sia arrivato qui. Non è proprio poss…” Ma si bloccò perché pensava al fatto che Ciop era piombato nella sua vita, così, dal nulla. William, con molta agitazione disse: “Non so come fate a saperlo, ma, il problema è che ora lui vuole distruggere il mondo dei cartoni animati, e ci può anche riuscire! Poi… poi c’è dell’altro…” Alen, alzandosi di scatto proruppe: “Cosa?” “Ciop e Cindy sono in pericolo! Erik li sta cercando. Vuole ucciderli per completare l’opera. Io penso che anche vostro fratello ora si trovi in pericolo di vita!” Ciop e Cindy scoppiarono a piangere forte. “E’ ASSURDO! Ma com’è possibile?” Disse adirato Alen che ormai tremava; il disegnatore disse: “Vede… io sono un disegnatore di fumetti, ho passato tutta la mia vita a disegnare storie, facendole vivere, se pur inconsapevolmente ai personaggi che disegno! Chi ha la matita, in quel mondo può tutto! Ora capisco molte altre cose! Erik è un personaggio di quel mondo che ha trovato il modo di giungere fino a noi e poi di ritornare nel suo! Il problema è che ha anche capito tutto. Sa di essere onnipotente in quel mondo. E’ malvagio e crudele! Comunque ho già avvertito, mandando un messaggio a Cip, Henry e Red!” Ciop disse: “Dimmi William!! E’ la fine?? Io non voglio morire!! Io voglio vivere con Cindy e Cip!! E’ tutta colpa mia!! Si!! Se non avessi espresso quel desiderio forse… Ora è tardi!!” Cindy disse: “No!! Non può fare una cosa simile!!! Perché fare questo a noi che siamo così buoni??” William, sospirando disse: “E’ proprio per questo che vi odia. E’ inutile parlare… ora non possiamo fare nulla! Dobbiamo solo aspettare gli eventi!” Alen, girandosi dalla parte opposta al disegnatore per non far vedere che stava per mettersi a piangere disse: “Non può finire così! Ci serve un miracolo! Ecco quello che serve! E’ ormai da troppo tempo che continua questa storia. Tra un po’ torneranno i miei genitori, ma ora questo è un problema secondario. Ora temo per la vita di mio fratello, di Ciop e di Cindy e di tutti gli esseri che si trovano nel mondo dei cartoni. Io… IO RIVOGLIO HENRY! LO VOGLIO ABBRACCIARE! Solo ora sto imparando ad amare quel mondo che era tanto caro a mio fratello!” E corse via al piano di sopra piangendo come un bambino. Terry lo seguì. William, anche lui piangendo disse: “Ciop! Io vorrei darti speranza! Tu sei, come ti ho già detto, una mia creatura! Ma vedi… ora ho le mani legate! Mi puoi perdonare per non essere capace di far nulla? Io che vi ho amati fino allo spasimo, ora mi trovo a dover abbandonare le mie creature al loro destino! Ah! Se lo avessi saputo prima! Non avrei permesso a nessuno di farvi del male!” Ciop, vedendo che il disegnatore era disperato, si alzò, e prendendo a sorridere disse: “Non piangere!! Non è stata colpa tua!! Anche io e Cindy ti vogliamo bene!! Vedi… credo che solo tu potrai fare qualcosa, ma prima devo contattare Gran Ma!!” William sobbalzò dicendo: “Gran Ma è qui? Ecco la ‘ gufa ‘ che intendeva Alen! Ma dimmi Ciop, come ha fatto ad arrivare?” Ciop gli spiegò ogni cosa, raccontando dell’avventura all’aeroporto. Il disegnatore, a quel punto disse: “Forse c’è ancora qualcosa che posso fare per voi! I tre archi! E’ di là che deve passare Henry! Ma… tu come farai?” Ciop, guardando teneramente Cindy disse: “Se è per far ritornare dal suo fratellino Henry, io e Cindy resteremo ancora un po’ !! Infine troveremo anche per questo una soluzione!! In fin dei conti, a me ed a Cindy piace questo posto!!” William abbracciò Ciop con tenerezza. Lui aveva deciso di restare in quel mondo per far rientrare Henry, e non sembrava pentito. Cindy, prendendo la parola disse: “Il mio fidanzatino ha ragione!! Noi possiamo aspettare!! Anche se… sono preoccupata per il povero Cip!! Ma scusa disegnatore, ma con quello lì che ci vuole fare del male come possiamo fare??” William, con gli occhi scintillanti disse: “Se c’è da combattere per salvarvi, combatterò! Nessuno piangerà per la scomparsa di Erik, questo è sicuro!” Alen e Terry, sentirono tutto e scesero veloci dalle scale. “Signor Floyd! Capisco che lei voglia difenderci, ma abbiamo pensato anche ad un’altra cosa! Come faremo ora a sapere quello che è successo nel mondo di Ciop e Cindy se nessuno scrive più?” Disse Alen. William, disse: “Questo non lo so! Ma è probabile che il giornale esca comunque! Ma adesso è più importante difenderci da Erik! Per quanto mi riguarda cercherò di scrivere sul giornale anch’io!” Alen, visibilmente spaventato, strinse a se Terry e disse: “Lei, prima ha parlato dei tre archi, anche io ci avevo già pensato, ma… secondo me… è un’imprudenza ora far passare Henry! Se Quello li vuole far del male anche a mio fratello credo che qui sia più vulnerabile, lei non crede?” William, preparandosi ad uscire dalla casa di Alen, disse: “Forse ha ragione! Adesso si è fatto molto tardi! Domani devo parlare urgentemente con Gran Ma! Credo che lei ci può aiutare in qualche modo! Voi, chiamatemi se avete bisogno d’aiuto e non vi preoccupate dell’ora! Ormai, anche io sono in pericolo!” Ciop, corse vicino al disegnatore e disse: “Scusami!! Anche a te, sto facendo del male!! E’ tutta colpa mia!! Mi perdoni??” William rispose teneramente: “Tu non hai fatto nulla! Tu sei, come ti ho già detto una mia creatura! Non mi sognerei di darti una colpa che non hai!” A quel punto, Ciop abbracciò e baciò William, che, con le lacrime agli occhi se ne andò. Erik non arrivò per quella sera.

Quella notte, passò per i nostri amici con grande preoccupazione. Bisognava fare molta attenzione. Nessuno poteva sapere quello che Erik stava progettando; ma il povero Alen aveva altre preoccupazioni: sua madre e suo padre stavano per tornare, e poi, c’era anche Roger. Tutto questo, rendeva il poveretto nervosissimo più di quanto lo era stato in quei giorni.

Quando fu mattina, Alen, Terry (che ancora una volta dormì in casa del suo fidanzato), Ciop e Cindy si alzarono alla buon ora. Si ritrovarono tutti in cucina per fare colazione. Per infondere un po’ di normalità, Terry accese la radio che si trovava sul frigorifero per sentire un po’ di musica e poi si sedette al tavolo a fianco di Alen. Ciop e Cindy si guardavano teneramente ed ogni tanto si davano dei pizzicotti affettuosi. Alen, li guardava e non poteva che intenerirsi a quelle scene. Alla radio stavano trasmettendo un programma di canzoni, che fece dimenticare (anche se non del tutto) i problemi ai nostri eroi. Ma all’improvviso: “State ascoltando Radio Free New York in diretta nazionale nella banda di modulazione di frequenza. Abbiamo con noi il ragazzo che ha vinto il primo premio dell’altro ieri! Si tratta di Brian della città… ( e qui lo speaker disse il nome della città di Alen). Siamo molto contenti di averlo nei nostri studi. Dimmi Brian, ti piace New York?” Alen, Terry, smisero di mangiare di colpo con il fiato sospeso mentre Ciop disse: “E’ il mio amico Brian che ho conosciuto ieri all’aeroporto!! E’ in radio!!” Alen si alzò in piedi di scatto, come se fosse stato morso da un serpente, e, come quello diventò verde. Alla radio il programma continuava, e Brian disse: “Si! E’ molto bella! Ho sempre sognato di visitarla! Ma mi è piaciuto anche il viaggio. In aeroporto, prima di partire, ho conosciuto un ragazzo, che saluto. Si chiama Ciopper Chips! Pensate che mi ha detto di essere niente di meno che Ciop, lo scoiattolino dei cartoni di Walt Disney! Io non so se mi ha detto la verità, ma comunque voglio crederci perché a me è sembrato convinto di quello che diceva! Si atteggiava proprio come lo scoiattolo che prima ho citato! Spero che quello che mi ha raccontato sia vero! Anche io sono un appassionato di Cip & Ciop! Chissà se ora è in ascolto…” Alen, si mise ad urlare come un pazzo: “MA ALLORA CIOP, TU VUOI LA MIA MORTE? COME FA QUELLO A CONOSCERTI COSI’ BENE? GLI HAI RACCONTATO TUTTO! ECCO COME FA! E’ LA FINE! TUTTO IL MONDO ADESSO E’ A CONOSCENZA DELLA STORIA! COME HAI POTUTO!” Terry, tentò di calmare Alen ma fu impossibile. Lo speaker continuò: “Quindi, Brian, credi che sia vero quello che si racconta nei fumetti? Anche a noi farebbe piacere se fosse vero… ma adesso continuiamo ad ascoltare la buona musica che la regia ci propone…” Terry spense la radio con un gesto che sapeva di disperazione. Ciop, vedendo la reazione di Alen ebbe paura e disse come per discolparsi: “Alen!! Brian è buono!! Non dirà mai nulla!! Gli ho raccontato tutto perché…” “NON DIRA’ MAI NULLA? MA SE LO HA APPENA FATTO VIA RADIO A TUTTO IL CONTINENTE! SO PERCHE’ HAI RACCONTATO TUTTO! LO HAI FATTO PERCHE’ NON VUOI PIU’ VEDERE CIP! ECCO PERCHE’! MIO DIO! CHE TRAGEDIA IMMANE!” E dicendo, anzi, gridando così, Alen andò in salotto, lasciando soli Ciop, Cindy e Terry, che tanto per cambiare stava quasi per svenire. Ciop, rimase molto male alle parole di Alen, e disse a Cindy: “Credo di averla combinata davvero grossa!! Ma infondo cosa è successo??” Cindy lo guardava premurosamente ma poi, con sguardo severo gli disse: “Ciop!! Alen ha ragione!! Tu stesso mi hai detto che lui ne sa più di noi su questo mondo!! Sei proprio un pasticcione, amore mio!! Adesso, va da lui e chiedi scusa per quello che hai fatto!!” Gli disse, tenendo puntato il dito verso la porta del salotto. Ciop, guardò la sua dolce fidanzatina e pensò che si stava comportando proprio come il suo fratellino Cip quando si arrabbiava, ma non riuscì a serbarle rancore, infondo, quei rimproveri gli mancavano. Così, chiedendo a Terry di andare con lui in salotto (come per sostenerlo moralmente), aprì la porta e vi trovò Alen che camminava su e giù per la stanza come un cavallo in un recinto, che aspetta di essere cavalcato. “Alen!! Scusami!!! Lo so!! Sono stato cattivo!! Non lo farò mai più!!” E si sforzò di sorridere. Alen, avrebbe voluto picchiarlo, ma si tratteneva e cercò di sembrare calmo: “Ciop! Io ti perdono! Ma… capisci quello che hai fatto? E’ una cosa grave! Comunque la colpa non è tua! E’ SOLO MIA!” Terry, volle dare una speranza ad Alen dicendo: “Alen! Lo so che quello che è successo così, in pochi giorni ti sta distruggendo, ma ora, non dobbiamo arrenderci!”

Nella casa di Roger, il perfido bambino, era stato chiuso per punizione da sua sorella nella sua cameretta. Decise di accendere la radio per avvertire tutti i suoi colleghi che presto sarebbe scappato dalla sua prigione. “Qui Leprotto 1 a base… Entro le tre riunione importante in coordinate base! Ripeto riunione importante! Sono stato fatto prigioniero dalla Iena ma sto escogitando il modo per evadere! Datemi il ricevuto!” Disse alla radio Roger, e un suo agente rispose: “Ok! Leprotto 1! Ricevuto! Qui Scoiattolo volante! Devo avvertirti che Leprotto 2 e Leprotto 3, sono irreperibili! E’ probabile che siano stati fatti prigionieri dalle rispettive TANE D’AQUILA perché ieri sera sono stati scoperti! (Le tane d’aquila, erano in codice le famiglie dei componenti degli Agenti Speciali.)” Roger, disse: “Faremo a meno di loro! Allora concordato l’appuntamento! Passo e chiudo!” E spense la radio. Qualcuno aveva ascoltato la conversazione. Tod, molto preoccupato, avendo riconosciuto la voce di Roger, volle avvertire Alen della riunione.
Adesso, Roger, pensò che bisognava trovare il modo per sfuggire alle grinfie di Jasmine. Tagliò in strisce lunghe le coperte del suo letto e ne fece corde, che poi fissò al piede della scrivania. L’altro capo doveva buttarlo dalla finestra. Fatto questo attese con ansia le ore tre.

Intanto, era uscito un altro albo del giornale. Tutti i ragazzini, e non solo avevano preso di mira i giornalai per averlo, ma da una testata diversa da quella Disney, era uscito un altro misterioso giornale. Mettendo insieme i due albi si potevano vedere gli sviluppi della storia che stavano vivendo Cip ed Henry. Scott, pensò bene di accaparrarsi dal suo edicolante di fiducia Mike (quello vicino all’ospedale), l’albo Disney ma Mike disse che era uscito il numero zero di un altro albo di nome “No Limits” che completava le storie Disney aggiungendo anche personaggi non Disney. Il nostro amico non se lo fece ripetere due volte, e comprò tutti e due. Li lesse tutto ad un fiato, proprio su una panchina vicino alla cartolibreria. “Mio Dio! Cosa vedono i miei occhi! E’ terribile! Devo andare subito da Alen per far vedere i giornali!” Infatti, aveva letto le avventure passate da Nonno Chip e poi dell’attacco portato da Mac & Tosh a Cip ed a Henry, che si concludeva con il medico che operava Henry a casa di Ciap. Prese subito la sua automobile e partì di gran carriera.

La situazione a casa di Alen non era delle migliori per ricevere la visita di Scott. Infatti, Alen era disteso sul divano e non si muoveva. Terry gli teneva la mano e cercava di rianimarlo. Ciop con Cindy erano seduti su un altro divano e non fiatavano. Suonò il campanello, e la povera Terry andò ad aprire. Si vide davanti Scott con una faccia che faceva paura. “Scott! Mio Dio! Cosa è successo?” Quello, entrò senza dare il tempo a Terry di spostarsi e disse: “Sono usciti i giornali!” Alen, si rizzò subito in piedi dicendo: “Giornali? Perché parli al plurale?” Il ragazzo lo guardò fisso e disse: “Ne sono usciti due! Uno è il solito, ma se ne è aggiunto uno nuovo. Si chiama ‘ NO LIMITS ‘ e dentro ci sono personaggi non Disney!” Alen, con gli occhi fuori dalle orbite, fece accomodare Scott in malo modo su una poltrona dicendo: “Cosa c’è scritto? Fammeli leggere subito!” Ciop e Cindy, accorsero, e con Terry si misero dietro Alen che aveva strappato di mano gli albi al povero Scott. Lesse prima l’albo Disney, e Ciop con grande stupore disse: “Per tutti gli scoiattolini del cielo!!!! Nonno Chip!!! Il mio nonnino è vivo!!!!” Alen, disse: “Sembra proprio di si! Sono contento per te!” Ciop era al settimo cielo per quanto stava vedendo. Egli, si ricordava di quando Cip, con molto amore gli parlava di lui, ma da qualche annetto non ne aveva più parlato, e Ciop pensava che fosse morto. “Mi vuole conoscere!! Oh che gioia!! Appena tornerò io…” Alen, lo guardò in modo torvo dicendo: “Ancora non l’hai capito? NON TORNERAI MAI PIU’ NEL TUO MONDO ED IO MI POSSO SCORDARE DI MIO FRATELLO!” Scott, si rizzò in piedi dicendo: “Ma cosa dici Alen? Non vedi che il povero Ciop ci è rimasto male? Non puoi perdere così tutte le speranze!” Alen, si scusò con tutti, e riprendendo a sorridere in modo molto sforzato disse: “Speriamo che sia come dici… Ma tu non sai… Erik, il disegnatore è qui in città! William lo ha incontrato, e sicuramente vuole fare del male a Ciop ed a Cindy! Ciop aveva ragione a dire che lo aveva visto! Ecco perché ormai penso che tutto stia finendo male!” Scott, restò con la bocca aperta. Ma Terry ad un certo punto gridò: “Non è possibile! Sally! Da quanto tempo non la vedevo più!” Alen gridò: “Sally chi?” Terry, spiegò: “Vedi, Sally è la fidanzata di Cip! Conosco anche lei come Cindy perché l’ho vista in quei giornali che compravo da piccola! Dovrei avere qualche albo che la riguarda!” Alen disse a mezza voce: “Speriamo che non attraversi anche lei i tre archi… ormai questo mondo si sta popolando di personaggi dei cartoni animati, e guarda caso, vengono proprio a casa mia a farmi impazzire! Prima Ciop e Cindy, poi la Gufa, e poi quell’Erik!” Ciop, guardò male Alen e disse: “Se non ci vuoi, togliamo subito il disturbo!!” Alen, si rese conto di quello che aveva detto e si corresse: “MA NO! Io non volevo dire quello che ho detto! E’ solo che sto ormai impazzendo! Sono stato io quello che ho attraversato i confini della realtà più di mio fratello! Henry, vi conosceva e per lui è stato naturale trovarsi in quel mondo; io… io… invece, ho cominciato a credervi reali da quando siete giunti da me! Sono stato io più di tutti a CAMBIAR VITA! Non mi sognerei mai di dirvi di andarvene! Ormai sono certo della vostra esistenza! Voi siete VERI! Sono io ad essere stato per tanto tempo FINTO con Henry!” Ciop, abbracciò Alen e disse: “Ti capisco!!” Ma poi, guardando il giornale arrossì e lo prese di corsa dalle mani di Alen e lo chiuse. “MA CHE FAI?” Gridò Alen: “Devo finire di leggere!” Ciop, arrossendo disse: “E’ finito!! Ormai non c’è più niente da leggere!! HAHAH!!” Alen, gli prese dalle mani il giornale dicendo: “C’è ancora un’altra pagina! Ciop! Sei davvero strano certe volte!” E si mise a leggere. Di colpo, capì il motivo dello strano comportamento di Ciop, e disse: “Ehhmmm… Credo che sia davvero finita la storia! AHAHAHAH!” Cindy, guardando Alen e Ciop che erano imbarazzati disse: “Fatelo leggere a me!!! Voglio vedere Sally come sta!!!” E prese dalle mani di Alen il giornale che ormai era ridotto a carta straccia. Lesse, e poi guardando il suo fidanzatino disse: “AH!!! E’ COSI’!!! CLARICE!!! CI SIETE ANDATI??” Scott si ricordò del cartone animato, e rise sotto i baffi. Ciop, non potendosi nascondere disse: “…Si… ma… non è successo niente amore mio!!! Era solo uno spettacolino!!!” La dolce Cindy si mise a piangere dicendo: “Mi hai lasciata da sola per andare da quella ballerina??? Mi avevi giurato che non ci saresti andato!!!” Quello, guardando la sua dolce fidanzatina, non osava aprir bocca, ma Terry prese la parola e disse: “Mi ricordo! Ho visto quel cartone! E’ un classico! Forse è il più bello di tutti! Una volta Henry, quando tu non c’eri Alen, ha messo la video cassetta! Ma ti posso assicurare Cindy, che davvero non hanno fatto nulla! … Al dire il vero, un bacio c’è stato alla fine, ma non come pensi tu!” Ciop, arrossendo e guardando male Terry annuì, mentre Cindy disse: “VOGLIO VEDERLA ANCH’IO!!!” Alen, prese la parola e disse: “Ancora dobbiamo leggere l’altro giornale! Poi la vedremo!” Ciop, prese per la mano Cindy che la rifiutò, dicendo : “Adesso sai tutto di me!! Non ti ho mai tradita!!! CREDIMI AMORE!!!” Quella, guardando negli occhi il fidanzatino, sorrise e disse: “Non mi mentire mai più!!” E si diedero un tenero bacio. La contentezza del momento durò poco, perché Alen gridò: “L’HANNO UCCISO! HENRY E’ MORTO! SONO STATI QUEI DUE SCOIATTOLI WARNER!” E si mise a piangere. Scott, vedendo questo disse: “E’ proprio di questo che ti volevo parlare! Ma non ti devi preoccupare perché, lo stanno operando!” Alen disse: “AH! Mio fratello adesso è sotto i ferri, e tu mi vieni a raccontare che non mi devo preoccupare? Mio Dio! E’ nelle mani, anzi tra le zampe di un medico scoiattolo e tu mi dici che devo stare calmo? Non sappiamo se l’operazione è andata bene! COME POSSO ESSERE TRANQUILLO?” Tutti rimasero muti e nessuno osava parlare. Il silenzio fu interrotto dallo squillo del telefono. Terry andò a rispondere. Era William che portava notizie, ma Terry gli rispose: “Già lo sappiamo! Il nostro amico Scott ci ha portato gli albi! Ma ditemi… Henry?…. Ah! Ho capito! Grazie!” E chiuse il telefono. Alen, le andò incontro: “Allora? Era il disegnatore? Ha qualche notizia di Henry?” Terry, si sedette sulla poltrona, e con uno sguardo fisso, quasi in trance disse: “Non si sa nulla! Il disegnatore ha detto che bisogna aspettare! Teme anche lui per la vita di Henry!” E come suo costume, svenne. “Aspettare cosa? Che muoia?” Disse Alen guardando Scott, ma quello rispose : “A questo punto non so proprio cosa pensare!” Alen, disse: “Andiamo a cercare la Gufa! Lo faremo domani! Non so se questa è una pazzia ma è l’ultima cosa da fare!” Scott disse che era una buona idea, ma che avrebbero, comunque dovuto aspettare novità. Ciop, avendo visto che il suo fratellino aveva aiutato Henry per l’operazione disse: “Alen!! Lo so che forse non ci credi, ma sono ottimista!! Henry è salvo!! Cip non l’ha lasciato morire!!”

Nessun commento ancora

Lascia un commento