Archivi categoria : Testi e Contesti di Giovanni Longu

 Giovanni Longu, ricercatore e pubblicista, si interessa attivamente alla storia dell’immigrazione italiana in Svizzera e ai rapporti italo-svizzeri dall’indomani dell’unità d’Italia fino ai giorni nostri.

.::. Calabresi.net .::. Le Rubriche .::. Giovanni Longu .::. Testi e Contesti .::.

Se l’Italia fosse stata un Paese federale…di fronte alla crisi

Di fronte alla crisi che ha portato alle dimissioni del governo Berlusconi e all’insediamento del governo «tecnico» di Monti mi sono chiesto se l’Italia sarebbe giunta (come sembra) sull’orlo del fallimento se fosse stata un Paese federale. La mia risposta è: probabilmente no. Di fatto, tutti i Paesi federali europei anche se non godono di…
Per saperne di più

Dinamica storica dell’immigrazione italiana in Svizzera

In questo periodo preelettorale svizzero il tema dell’immigrazione non è un problema che interessa i grandi partiti, ad eccezione dell’Unione democratica di centro (UDC), la destra radicale svizzera. Nei media, invece, è sempre d’attualità. Qualche giorno fa mi ha colpito il titolo di un articolo secondo cui gli stranieri «vengono di passaggio e invece restano». …
Per saperne di più

Frontalieri: negoziato urgente!

Da troppo tempo ormai la questione dell’apertura di un negoziato tra l’Italia e la Svizzera sui problemi fiscali sul tappeto sta incrinando i tradizionali buoni rapporti tra i due Paesi. Soprattutto per il Ticino si tratta evidentemente di una priorità, perché la presenza della Svizzera in una specie di «lista nera» di un Paese confinante…
Per saperne di più

Voto amministrativo sull’onda dell’indignazione

In Italia si è spenta l’eco delle analisi a caldo delle recenti votazioni amministrative. I giochi son fatti. C’è chi si è esaltato per la vittoria (inattesa) e chi ha dovuto ammettere a denti stretti la sconfitta. Se è tuttavia facile indicare con nome e cognome i candidati risultati vincitori e perdenti, mi pare più…
Per saperne di più

Tripoli italiana in Svizzera e la cucina mediterranea

Tripoli è oggi una città ferita, bombardata. La guerra imperversa producendo distruzioni e vittime. Le bombe cosiddette «intelligenti» dovrebbero colpire esclusivamente installazioni militari, in realtà colpiscono anche edifici civili. I morti, militari e civili, non si contano più. Ormai si tiene la contabilità solo delle «operazioni» e degli ordigni sganciati dall’alto o di lontano; quella…
Per saperne di più

Max Frisch e i Fremdarbeiter italiani

Ricordando Max Frisch nel centenario della sua nascita e vent’anni dopo la sua morte non si può non sottolineare il suo forte legame con l’Italia e con gli italiani emigrati in Svizzera. Si dirà forse che si tratta di un aspetto marginale della complessa biografia di uno dei massimi scrittori svizzeri del XX secolo, eppure…
Per saperne di più

Italia-Libia: ritorno alle origini… pericolose!

Quasi a cento anni di distanza, l’Italia è nuovamente in conflitto con la Libia o meglio col regime libico di Gheddafi. Le motivazioni, le modalità e il contesto internazionale sono completamente diversi. Eppure fa impressione che l’Italia si ritrovi in guerra (anche se a molti benpensanti questo termine può apparire inadeguato) proprio con la Libia,…
Per saperne di più

Riuscitissimo concerto a Lucerna per il 150° dell’Unità d’Italia

Si è tenuto il 6 maggio scorso al Centro Culturale e Congressi di Lucerna, uno dei templi della musica più rinomati della Svizzera e d’Europa, un concerto straordinario per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Sotto la direzione del Maestro Emiliano Esposito, il famoso Coro dell’Opera di Parma, composto di circa 50 coristi, ha eseguito per…
Per saperne di più

Disagio italiano, ma senza dimissioni!

Che si possa provare di tanto in tanto un certo disagio ad essere italiano è comprensibile! Di qui a farsi prendere dallo scoramento fino a lasciarsi conquistare dall’idea di «dimettersi da italiano» mi pare una conclusione né logica né responsabile. Un passo del genere supporrebbe da una parte l’inconciliabilità tra un modello di Italia eccessivamente…
Per saperne di più

Frontalieri: risorsa o pericolo per il Ticino?

In Ticino, soprattutto durante la recente campagna elettorale e all’indomani del voto che ha premiato la destra ticinese, il «tema frontalieri» è tornato di grande attualità e con toni più aggressivi del solito. La Lega dei Ticinesi, vincitrice delle elezioni, sostenuta dall’Unione democratica di centro (un partito ancor più a destra della Lega) e non…
Per saperne di più