Natale … convegno …

Sabato e domenica prossima a San Marco Argentano – località Iotta, inserita nel calendario della kermesse Natale a San Marco Argentano: tradizioni … e altro ancora, si svolgerà la Prima festa del vino.

L’iniziativa consterà essenzialmente di stands, degustazione, spettacoli folcloristici e di un convegno (“Produzione e consumazione del vino nel nostro territorio”), che si terrà domenica alle ore 11.00.

All’incontro moderato dallo scrivente parteciperanno Pinotto Mollo, sindaco della città; Virginia Mariotti, vicesindaco; Pino Amato, assessore comunale all’agricoltura; Tullio Romita dell’Università della Calabria; Sergio Lento, agronomo; Aurelio Arnone, perito agrario; Ernesto D’Addino e Giulio Serra, consigliere regionale.

La tradizione calabrese legata al vino, molto radicata, è così letta da Annamaria Lico, responsabile del settore etnoantropologico della Soprintendenza P.S.A.E. della Calabria: «Il valore e il significato del vino nella tradizione e nella storia della Calabria sono illustrati in questa rassegna di motti, modi di dire e proverbi in dialetto calabrese che rappresentano solo una piccola sintesi del vasto patrimonio orale legato a questo alimento:

 




L'acqua fa dannu e lu vinu fa cantari;
Uogliu e 'n annu e vinu ‘e centanni;
'u vinu a vita allonga, ll'acqua accurta ll'anni;
A vutta se speragna quannu é chjina, quannu é vacanta se speragna sula;
Quannu chiova tra lugliu e agustu, chiova mele, uogliu e mustu;
Chine mangia uva ad agustu, vena ottobbre e ‘nnu biva mustu;
Sule d’ agustu u’ graspu se fa mustu;
Ottobre chiuvusu : vinu ‘e cantina da sira alla matina;
A Santu Martinu se rapanu ‘e vutte e se prova lu vinu.
Ove ‘e gallina e vinu ‘e cantina sunnu a mieglia medicina.
Si vo linchiere u cellaru zappa e puta 'ntra jennaru;
Se vu avire buonu mustu, zappa 'a vigna ‘ntra ‘u mise d’agustu.
 
Il vino insieme al pane e all’olio appartiene agli elementi di base dell’alimentazione e della cultura gastronomica calabrese di sempre.

La coltura della vite è pratica antica in questa regione sin dai tempi preistorici, esisteva sicuramente ancor prima che vi giungessero, intorno all’VIII secolo a. C., i primi coloni greci che fondarono Locri e che portarono dei vitigni.

Molti miti, leggende e testi religiosi fanno menzione del vino come elemento sacrale per il suo accentuato aspetto simbolico che paragonandolo al sangue gli attribuiscono qualità di forza e di sapienza facendone una delle bevande più presenti nelle pratiche magico- propiziatorie e nei riti religiosi di tutti i tempi compreso il Cristianesimo».

San Marco Argentano (Cosenza)

Fotografie in allegato:
San Marco Argentano – sala consiliare
Presentazione “Natale a San Marco Argentano: tradizioni … e altro ancora”

Nessun commento ancora

Lascia un commento