PREGHIERE DEL CRISTIANO IN ITALIANO E DIALETTO SANSOSTENESE.

IL CREDO
Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili.
Credo in un solo Signore Gesù Cristo unigenito figlio di Dio nato dal Padre prima di tutti i secoli. Dio da Dio, Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, dalla stessa sostanza del Padre. Per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per opera dello Spirito Santo si è incarnato nel seno della Vergine Maria e si è fatto uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, morì e fu sepolto e il terzo giorno è resuscitato secondo le Scritture ed è salito al Cielo e siede alle destra del Padre e di nuovo verrà nella gloria per giudicare i vivi e i morti ed il suo Regno non avrà fine.
Credo nello Spirito Santo che è Signore e dà la vita e procede dal Padre e dal Figlio e con il Padre ed il Figlio è adorato e glorificato e ha parlato per mezzo dei profeti.
Credo la Chiesa una, santa, cattolica e apostolica.
Professo un solo battesimo per il perdono dei peccati e aspetto la resurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà. Amen

[GARD]

‘U CRIJU
Criju ‘ntra nnu sulu Deu, Patra onnipotenti, criaturi du’ celu e da’ terra, ‘e dde’tutti ‘i cosi visibbili ‘e mbisibbili.
Crìju ‘a nnu sulu Signuri Jesù Cristu uniggenitu higghju ‘e Ddeu nesciutu du’ Patra prima ‘e tutti i seculi. Deu da Deu, Luci da Luci , Deu veru da’ Deu veru, giniràtu, on criatu, da’ stessa sustanza du’ Patra. Pe’ mmenzu de’ Idru tutti ‘i cosi sugnu stati criati. Pe’ nnui omani e per ‘a sarvezza nostra scindìu du’ celu e pe’ òpara du’ Spiritu Santu s’incarnàu ntru senu da’ Vergini Maria e si hicia omu. Hù crucihissu pe’ nnui sutta Ponziu Pilatu, morìu e ffu siportu e ru terzu jornu risuscitàu sicundu ‘i Scritturi e sagghjìu ntru Celu e s’assettàu ara destra du’ Patra e de’ novu vena ntra gluria pe’ ggiudicàra i vivi ‘e ri morti, ‘u Regnu soi on ava hini.
Criju ara Chjesi ‘na, santa, cattolica e apostolica.
Prohessu ‘nu sulu vettisimu pe’ u perdunu di’ piccati e aspettu ‘a risurrizzioni di’ morti e ra vita du’ mundu chi bbena. Amen
 

CREDO APOSTOLICO
Credo in Dio Padre onnipotente. Credo in Gesù Cristo, suo unico figlio, nostro Signore, nato dal Padre, non creato. [Credo] che egli sia sempre stato con il Padre, prima di tutti i secoli. Credo che la parola del Padre tramite la quale ogni cosa è stata fatta sia Cristo. Credo che questa parola abbia redento il mondo tramite la sua sofferenza, e io credo che l’umanità, non la divinità, sia soggetta alla sofferenza. Credo che sia resuscitato il terzo giorno, che sia asceso al cielo e sieda alla destra del Padre, e che verrà per giudicare i vivi e i morti. Credo che lo Spirito Santo proceda dal Padre e dal Figlio, e che non sia inferiore né posteriore nel tempo a Dio, ma che sia Dio, uguale e co-eterno al Padre e al Figlio, ad essi consustanziale nella natura, uguale nell’onnipotenza ed ugualmente eterno nell’essenza, e che non è mai esistito separatamente dal Padre e dal Figlio e ad essi non è inferiore. Credo che questa santa Trinità esista con la separazione delle persone, e che una persona sia il Padre, un’altra il Figlio e un’altra ancora lo Spirito Santo. E in questa Trinità io confesso una sola divinità, una sola potenza, una sola essenza. Credo alla verginità della santa Maria, prima e dopo la nascita di Gesù. Credo che l’anima sia immortale e che, nondimeno, essa non partecipi della divinità. E credo fermamente a tutto quanto è stato stabilito dal concilio di Nicea e dai trecentodiciotto vescovi.

CRIJU APUSTOLICU
Criju in Ddeu Patra onnipotenti. Criju in Jesù Cristu, unicu higghjòlu soi, nostru Signùri, nesciùtu du’ Patra, prima ‘e tutti i seculi.
Criju ca’ a parola du’ Patra pe’ mmezzu ‘a quala ogni cosa hù ffatta sia Cristu. Criju ca’ chista palòra redentìu ‘u mundu tràmiti ‘a sufferenza sua, ed eu criju ca’ l’umanità, non ‘a divinità, sia suggètta ara sufferenza, Criju ca’ sia risuscitàtu ‘u terzu jornu, ca’ sagghjìu aru celu e s’assettàu ara destra du’ Patra e chi bbena a ggiudicàra i vivi e ri morti. Criju ca’ u Spiritu Santu prucèda da ‘u Patra aru Higghju, e chi on zia nferiòri e mancu pusteriòri ntru tempu a Ddeu, ma chi ssia Ddeu guala e cu-eternu aru Patra ed aru Higghju, ad idri cunzustanziàli ara natura, guala ntra l’onniputenza e gualamenta eternu ntra l’essenza, e chi on esistìu mai separatamenta du’ Patra e du’ Higghju e ad idri on èsta nferiori. Criju ca’ chista santa Trinità esista cu’ ra separazzioni di’ perzùni, e chi ‘na perzùna sia ‘u Patra, n’attra ‘u Higghju e n’attra ‘u Spiritu Santu, e ntra cchista Trinità eu cumpessu ‘na sula divinità, ‘na sula putenza, ‘na sula essenza. Criju ara virginità da’ santa Maria, prima e doppu ‘a nascita ‘e Jesù. Criju ca’ l’alma sia mmortàla e chi, ondimenu, idra on partìcipa da’ divinità. E criju hermamenta a tuttu quantu hù stabbilìtu du’ conciliu ‘e Nicea e dai triccentudiciottu viscuvi.


AVE MARIA
Ave o Maria, piena di grazia, il Signore è con te. Tu sei la benedetta fra le donne e benedetto il frutto del tuo seno Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori adesso e nell'ora della nostra morte. Amen

AVI MARIA

Avi o Maria, chjna de’ grazzi, ‘u Signuri esta cu’ ttia. Tu si’ a beneditta ntra li’ himmani e benedittu ‘u hruttu du’ senu toi Jesù. Santa Maria, Matri ‘e Ddeu, prega pe’ nnui piccaturi mo’ e nell’ura da’ nostra morti. Amen


SALVE REGINA
Salve Regina, madre di misericordia, vita dolcezza e speranza nostra, salve. A te ricorriamo noi esuli figli di Eva; a te sospiriamo gementi a piangenti in questa valle di lacrime. Orsù dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi e mostraci dopo questo esilio Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

SARVI REGGINA

Sarvi Reggina, matri de’ misericordi, vita durcezza e speranza nostra, sarvi. A ttia ricorrìmu nui esuli higghj di Eva; a ttia suspiràmu gimenti e ciangenti ntra cchista vadri ‘e lacrimi. Orsù dunque, abbocata nostra, rivolgi a nnui l’occhj toi misericordiusi e mùstracci doppu chistu esiliu Jesù, ‘u hruttu benedittu du’ senu toi. O crimenti, o pia, o durci Vergini Maria.


ATTO DI DOLORE
Mio Dio mi pento e mi dolgo con tutto il cuore dei miei peccati perché peccando ho meritato i tuoi castighi e molto più perché ho offeso Te infinitamente buono e degno di essere amato sopra ogni cosa. Propongo col Tuo santo aiuto di non offenderti mai più e di fuggire le occasioni prossime di peccato, Signore misericordia, perdonami.

ATTU ‘E DULURI
Deu meu mi pentu e mi dolu cu’ tuttu ‘u cora di’ peccati mei pecchì peccandu meritài i castighi toi e tantu cchjù pecchì offendivi a Ttia nfinitamenti bonu e degnu di èssara amatu supa tutti ‘i cosi. Propongu cu ru toi santu ajutu a non offendìra mai cchjù e ffujìra l’occasioni di’ prossimi peccati, Signuri misericordia, perdunami.


GLORIA
Gloria al Padre, al Figlio ed allo Spirito Santo, come era nel principio e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

GLURIA
Gluria a ru Patra, aru Higghju ed aru Spiritu Santu, comu era ntru principiu mo’ e sempa ntri seculi di’ seculi. Amen


ANGELO DI DIO
Angelo di Dio che sei il mio custode, illumina, custodisci, reggi e governa a me che ti fui affidato dalla Pietà Celeste. Amen

ANGIALU ‘E DDEU
Angialu ‘e Ddeu chi ssi’ ‘u custodi meu, adrùma, custodiscia, reggi e guverna a mmia chi ti hùi affidatu da’ Pietà Celesti. Amen


ETERNO RIPOSO
L'Eterno riposo dona loro o Signore e splenda ad essi la Luce Perpetua, riposino in pace. Amen

ETERNU RIPOSU
L’eternu riposu duna ad idri o Signuri e sprendi ad idri ‘a Luci Pirpetua, riposinu mpaci. Amen


IL SEGNO DELLA CROCE
Nel nome del Padre
e del Figlio
e dello Spirito Santo.
Amen

‘U SEGNU DA' CRUCI
Ntru nomu du' Patra
‘e du’ Higghju
e du’ Spiritu Santu
Amen

Nessun commento ancora

Lascia un commento