A Luzzi partel’iniziativa del bilancio partecipato 2009

Luzzi - Per la prima volta a Luzzi i cittadini potranno esprimere i propri suggerimenti per migliorare la vivibilità del proprio territorio e contribuire al suo sviluppo. Ciò sarà possibile grazie all’iniziativa del bilancio partecipato 2009 , iniziativa promossa dall’assessore al bilancio e programmazione del Comune di Luzzi Cesare Guccione.

[GARD]

“I cittadini scelgono, l’amministrazione realizza, tutti i residenti avranno ora le porte aperte e la possibilità d’intervenire nella trasformazione del proprio paese nel rispetto del principio di trasparenza che vuole contraddistinguere questa maggioranza” afferma Guccione. Chiara dunque l’intenzione che conduce l’iniziativa di voto speciale.

La popolazione avrà la possibilità di esprimere le proprie priorità in maniera ufficiale, sicuri che le proprie proposte verrano almeno valutate dai tecnici del palazzo comunale. Le materie sulle quali si potrà suffragare toccheranno temi di arredo urbano, sicurezza, formazione nel settore finanziario – tributario e arte e spettacolo.

Ogni cittadino per una o più aree potrà intervenire dal 5 novembre fino al 5 dicembre riempiendo un’apposita scheda di voto e depositandola nei raccoglitori presso l’ufficio protocollo di Palazzo Vivacqua e negli stand che occuperanno in maniera itinerante le strade del paese, oppure on line che sul sito ufficiale del Comune di Luzzi (www.comunediluzzi.it).

I suggerimenti che avranno ricevuto maggior numero di preferenze, dopo una valutazione di fattibilità, potrebbero trovare posto in una voce di finanziamento del bilancio di previsione del 2009. Quali potrebbero essere i suggerimenti da rivolgere all’amministrazione Tedesco? Ecco alcuni esempi: Perché il Comune non realizza una nuova segnaletica in…, oppure, perché nella manifestazione della notte bianca non fa partecipare questo piuttosto che quel gruppo? O ancora proporre stage post laurea negli uffici ragioneria o richiedere l’organizzazione di ausili per la stesura delle tesi di laurea in materia amministrativa.

Nessun commento ancora

Lascia un commento