Poker, magico Bonavena Doppietta azzurra a Praga

Prima vittoria per un italiano a una tappa dell'European Poker Tour: merito dell'agente immobiliare nativo di Vibo Valentia, che trionfa davanti a Massimo Di Cicco. Bravo anche Franco Cirianni, giunto al tavolo finale, che chiude quinto. Il vincitore porta a casa 774mila euro

PRAGA (Rep. Ceca), 14 dicembre 2008 - Finalmente la storia del Texas hold'em si tinge d'azzurro. Almeno a livello europeo. Un italiano vince una tappa dello Ept: ed è la prima volta. Succede a Praga, dove la nostra pattuglia, già la più folta al momento delle iscrizioni (80 rappresentanti), è arrivata fino in fondo. E non solo con il vincitore, Salvatore Bonavena, ma anche con il secondo classificato, Massimo Di Cicco. Bravo anche a Franco Cirianni, giunto al tavolo finale, che ha chiuso 5°.

[GARD]

CRESCENDO - Rendiamo omaggio, però, al primo italiano a vincere un torneo Ept: Salvatore Bonavena, 44 anni, di Cessaniti (Vibo Valentia). Agente immobiliare, residente a Monza. Ha giocato bene, al tavolo finale. Almeno, è andato in crescendo, continuo. Dopo un paio di scornate contro il greco Alexiou, ha iniziato a giocare aggressivo, leggendo i bluff degli avversari e puntando forte quando contava. Anche la fortuna ci ha messo del suo: come quando è andato all-in con A-5, contro il K-K del canadese Chen. Asso al flop e ribaltone nella chip leading.

LA MANO-CHIAVE - Ma il vero capolavoro l'ha effettuato sempre contro Chen, poco dopo. Su un flop K-K-3 Chen mette 70mila nel piatto, e Bonavena vede. Il turn è un asso di cuori e il canadese punta 180mila, Bonavena vede ancora una volta. Il river è un 8 di cuori e a questo punto Chen fa un bet pesante, 500mila. Bonavena si prende il suo tempo per pensare e alla fine conta le chips e vede. Il suo call finale ha dell'incredibile perchè Salvatore mostra Q-3 e quindi la coppia più piccola. Contro il nulla dell'avversario. Un coraggio da leone e a Chen non resta che dire "nice hand", "bella mano". Il piatto da più di un milione va a Bonavena. Che moralmente lascia il canadese a terra

UNO CONTRO UNO - Di Cicco, comunque, esce a testa alta. Questo era il suo secondo torneo live per lui, che solo da due anni gioca a poker. Il dentista della provincia di Frosinone (Sant'Elia Fiumerapido, per la precisione) ha giocato un ottimo heads-up, arrivando anche a sorpassare, per poco, il rivale nel chip count. La reazione di Bonavena? Da grande. Controsorpasso, e poi la mano decisiva. Flop 2-5-8: all-in di Di Cicco, visto subito dall'avversario. Quest'ultimo ha l'otto, mentre l'altro ha "solo" A-4. Turn e river sono ininfluenti, e Bonavena porta a casa 774mila euro. Di Cicco 445mila. Ma è il trionfo per i pokeristi italiani. Finalmente.

Alessandro Ruta
(Fonte: La Gazzetta dello Sport)

Nessun commento ancora

Lascia un commento