L’autonomia scolastica a Luzzi.

Luzzi – Entusiasta ed emozionato, così il sindaco Manfredo Tedesco presenta un’altra importante vittoria incassata durante questi 18 mesi della sua amministrazione. Dopo solo nove mesi, si profila in maniera concreta la possibilità dell’autonomia scolastica a Luzzi. Durante una conferenza il primo cittadino e l’assessore alla pubblica istruzione Jessica Ciardullo, hanno illustrato qual è stato l’iter che ha portato alla data del 16 dicembre, giorno in cui la Provincia di Cosenza ha recepito ed accettato la richiesta di attivazione della procedura per la costituzione dell’istituto scolastico omnicomprensivo, inviata dal Comune di Luzzi il 18 marzo scorso.

Attraverso questo traguardo raggiunto si avrà da una parte la direzione didattica e dall’altra l’istituto con verticalizzazione verso l’alto (scuola media, liceo classico e istituto d’arte). Tedesco esprime la sua fierezza sia come sindaco sia come ex alunno del liceo classico, che finalmente insieme all’istituto Statale d’Arte avranno la propria dirigenza a Luzzi senza dover più dipendere dalle sedi centrali del Liceo di San Demetrio Corone l’uno, e dal liceo artistico di Cosenza l’altro e potranno utilizzare fondi e risorse di prima mano.

E’ stata una scelta in nome del territorio e per la salvaguardia della cultura a Luzzi – asserisce con orgoglio Tedesco - una prima vittoria che ora attende di superare due scogli minori, la Regione che deve accogliere la razionalizzazione della Provincia e il Ministero che non dovrebbe rappresentare un ostacolo visto che l’importante è far quadrare i conti. Il giovanissimo assessore Jessica Ciardullo nel suo intervento, delinea la storia dei due istituti superiori, in particolare quella dell’istituto d’arte che nasce nel 1971 come autonomo ma che subito dopo viene accorpato al liceo cosentino. Questa operazione, afferma la delegante, non sarà onerosa per il Comune perché non ci sarà cambio di sedi che rimarranno in loco.

E poi, mi piacerà raccontare, in futuro, alle nuove generazioni, che se da studentessa non ho potuto peronare la causa, l’ho fatto da amministratrice. Grandi assenti, durante il pubblico incontro, proprio i rappresentanti delle scuole superiori, veri protagonisti di questa prima vittoria, visto che i loro predecessori (come il professore La Marca e lo stesso sindaco) avevano attuato battaglie e proteste energiche per portare avanti un obiettivo, che oggi finalmente può dirsi realizzato. Sono sicuro – insiste il sindaco Tedesco – che le imminenti vacanze natalizie hanno distolto gli insegnanti e gli alunni da questo appuntamento che insieme e con l’orgoglio di cittadini luzzesi avremmo aggiunto sotto l’albero di ogni casa.

Soddisfatti i vulcanici e impegnati dirigenti scolastici Umile Montalto e Vincenzo Garofalo, che accanto all’amministrazione hanno seguito attivamente il percorso epistolare che ha coinvolto tutti ad iniziare dalla Provincia di Cosenza, continuando con l’ufficio scolastico Regionale, quello Provinciale, il Presidente della Giunta, le Direzioni didattiche e il Ministero. Anche se bisogna ancora aspettare gli ultimi step burocratici, si può dire che l’autonomia scolastica a Luzzi non è più un sogno!

Nessun commento ancora

Lascia un commento