PREMIO LETTERARIO GIUSEPPE BERTO, OPERA PRIMA

XXI EDIZIONE - 2009

[GARD]

Grande attesa sull’esito del lavoro della prestigiosa Giuria del Premio Letterario
impegnata a valutare il lavoro di 139 scrittori esordienti.


Roma, 4 maggio 2009 - Si è appena conclusa la prima fase del “Premio Letterario Giuseppe Berto” – l’unico in Italia interamente dedicato alle opere prime di narrativa - con un’ampia adesione di case editrici che hanno candidato ben 139 titoli di autori esordienti alla XXI edizione del concorso nazionale, organizzato dalle Città di Mogliano Veneto (Tv) e di Ricadi (Vv) con il sostegno della Regione Veneto, della Regione Calabria e della Provincia di Treviso.

Al Premio si sono potute iscrivere le opere prime di narrativa (romanzi o raccolta di racconti) redatte in lingua italiana, edite per la prima volta in senso assoluto, pubblicate e messe in distribuzione nel periodo compreso tra il 1 maggio 2008 e il 15 aprile 2009.

Gli organizzatori hanno deciso di puntare tutto sulle case editrici, dopo le novità introdotte lo scorso anno che, si ricorda, riguardano: l’eliminazione della sezione straniera allo scopo di rafforzare il posizionamento del concorso che, dal 1988, è volto a valorizzare l’opera prima di un autore redatta in lingua italiana; l’innalzamento del premio a euro 7500 e l’introduzione di un riconoscimento economico di euro 2000 per gli altri quattro finalisti, tanto da rendere il Berto il più appetibile tra i concorsi del genere.

«In un contesto in cui si registra una crescente produzione dei libri fai da te, crediamo che la casa editrice svolga ancora oggi un ruolo importante nell’affiancare uno scrittore, garantendo quella funzione di pianificazione che altrimenti un autore non potrebbe sostenere con le sole proprie forze», dichiara Giuseppe Lupo, presidente della Giuria.

Grande attesa quindi per l’esito del lavoro della Giuria – composta da critici letterari, scrittori e giornalisti, tutte figure di spicco del panorama culturale italiano, quali Mario Baudino, Goffredo Buccini, Andrea Cortellessa, Paolo Fallai, Laura Lepri, Giuseppe Lupo, Giorgio Pullini, Marcello Staglieno e Gaetano Tumiati – con l’auspicio che ci regali anche per questa XXI edizione una cinquina “distillato d’annata”, come è avvenuto lo scorso anno con il vincitore Vincenzo Latronico (Ginnastica e rivoluzione, Bompiani) e i finalisti Francesco Ceccamea (Silenzi vietati, Avagliano), Benedetta Cibrario (Rossovermiglio, Feltrinelli), Paolo Giordano (La solitudine dei numeri primi, Mondadori) e Veronica Raimo (Il dolore secondo Matteo, minimum fax).

La cinquina finalista verrà svelata venerdì 22 maggio 2009 durante la conferenza stampa che si terrà a Roma presso la sede della Regione Veneto (via del Tritone 46), mentre l’appuntamento per la proclamazione del vincitore è per sabato 13 giugno a Mogliano Veneto (Tv).

Premio Letterario Giuseppe Berto. Il Premio, l’unico in Italia interamente dedicato alle opere prime di narrativa, nasce nel 1988, in occasione del decennale della morte dello scrittore, per volontà della moglie Manuela e delle due città che hanno rappresentato due poli importanti nella vita dell’autore: Mogliano Veneto (Tv), la città natale, e Ricadi (Vv), dove scelse di trascorrere gli ultimi anni della sua esistenza. L’obiettivo del Premio è duplice: da un lato, tenere fede alla volontà di Giuseppe Berto che si è sempre battuto affinché gli esordienti di talento potessero farsi conoscere ed incontrare meno ostacoli sulla propria strada; dall’altro, ricordare e riproporre il nome e l’opera di Berto; scrittore amato dal grande pubblico ma trascurato, nonostante i grandi successi ottenuti, da una certa parte della critica ufficiale per il suo anticonformismo.

Nessun commento ancora

Lascia un commento