Protocollo d’intesa tra il Comune di Luzzi e il Comando Militare dell’Esercito Calabria

Luzzi - Giorno 5 maggio nella sala del Consiglio di Palazzo Vivacqua è stato stipulato un protocollo d’intesa tra il Comune di Luzzi e il Comando Militare dell’Esercito Calabria. Il sindaco Manfredo Tedesco e il colonnello Salvatore Rampolla hanno ufficializzato l’accordo. Grazie a questa convenzione sarà possibile fare richieste di documenti matricolari direttamente all’ufficio demografico del comune. Prima, per poter accedere formalmente allo sportello immatricolazione bisognava recarsi a Catanzaro e perdere due giorni per il disbrigo delle pratiche.

[GARD]

Ci si estende verso i comuni più lontani – dice il comandante – diamo un nuovo servizio che doveva esistere da tempo ed è a costo zero, soprattutto – aggiunge – permette di guadagnare molto tempo. Il Primo cittadino ringrazia il colonnello Rampolla per questa possibilità di creare sinergie importanti con le amministrazioni comunali. Da parte dell’esercito e del comune – dice Tedesco – questo è un segnale chiaro di come si ci mette a disposizione piena del cittadino.

Sarà l’ufficio demografico a gestire questo nuovo servizio, in pratica per ottenere il foglio d’immatricolazione basterà richiederlo in municipio che invierà la richiesta telematica all’esercito, e nello stesso ufficio dopo un paio di giorni sarà possibile avere il documento. Il personale addetto allo sportello sarà formato per fornire un adeguato servizio per la compilazione delle domande o di arruolamento o di richiesta documentazione.

Subito dopo la firma dell’accordo c’è stato uno scambio di doni reciproco tra le due istituzioni, un volume sulla storia delle missioni italiane all’estero e sulle attività dell’esercito per il sindaco, che in passato ha svolto anche l’attività di ufficiale medico di complemento in Friuli e un libro sulla storia di Luzzi al comandante dell’esercito. Nella stessa giornata anche il comune di Bisignano ha stipulato l’intesa, la media valle del Crati ora è concretamente più vicina all’esercito.

Nessun commento ancora

Lascia un commento