Note per la “Notte”

Le giovani band sul palco della Notte della Taranta
Prorogato il termine per le iscrizioni al concorso nazionale

E' prorogato termine ultimo per partecipare a Note per la Notte, concorso nazionale rivolto a giovani band che interpretano o rielaborano le musiche di tradizione, in collaborazione con il Meeting delle Etichette Indipendenti di Faenza. La prima band classificata si esibirà sul palco del Concertone estivo di Melpignano, mentre la seconda e la terza band classificata terranno un concerto durante il festival itinerante della Notte della Taranta.

[GARD]

Inoltre, le prime dieci band avranno la possibilità di essere pubblicate in un cd, a cura di Squilibri Edizioni, che sarà diffuso in circuiti di distribuzione nazionale.

Sarà possibile iscriversi al concorso fino al 7 giugno 2009.

Per informazioni e per le iscrizioni basta scrivere a: infotnr@gmail.com e consultare il blog: http://latarantanellarete.wordpress.com/ dove è pubblicato il bando di partecipazione, oppure telefonare al numero di telefono 0832/303707.

Il concorso è inserito nell’ambito di "La Taranta nella rete" progetto culturale organizzato dal Comune di Melpignano (Le) in collaborazione con Istituto Diego Carpitella, all'interno del programma "Rete dei Festival aperti ai giovani", promosso dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani e sostenuto dal Ministro della Gioventù, Giorgia Meloni.

La Notte della Taranta entra a far parte del circuito nazionale dei festival insieme al Meeting delle etichette indipendenti di Faenza Festival, il Festival della letteratura di Mantova, Lucca Comics, Veneto Jazz, Festival dell’energia, solo per citare alcune delle più note manifestazioni che hanno aderito alla Rete, un sistema che nasce con l’intento di promuovere e potenziare le esperienze dei festival più importanti d’Italia, per valorizzare la creatività e i giovani talenti.

Il progetto, a cura di Vincenzo Santoro (Responsabile Ufficio Cultura e Politiche Giovanili Anci) e Sergio Torsello (Responsabile Scientifico dell’Istituto Diego Carpitella), coinvolge i comuni di Melpignano, Sternatia, Corigliano d’Otranto, Alessano, Soleto e Cutrofiano e si propone di offrire ai giovani interessati un’occasione di approfondimento riguardo le problematiche connesse alla conoscenza, alla conservazione, alla valorizzazione e alla rielaborazione creativa delle musiche e delle culture di tradizione orale.

L’intento, dunque, è quello della formazione perché la memoria sia e rimanga materia viva, attraverso un articolato percorso che si snoderà nell’arco delle due annualità, 2009-2010, con seminari, workshop, incontri d’autore, concorso per giovani band e concorso per tesi di laurea.

I ragazzi che parteciperanno, tramite bando, avranno la possibilità di confrontarsi con varie metodologie di approccio sia pratiche sia teoriche alla tradizione musicale, in special modo salentina.

Le attività sono aperte a tutti, con particolare riferimento a laureandi, dottorandi, musicisti e studiosi con documentato curriculum. Sono inoltre previste, tramite bando pubblico, 10 borse di studio (sottoforma di vitto e alloggio) per garantire ai giovani non residenti nel Salento la partecipazione ai workshop e agli incontri.

Il Concorso per tesi di laurea è rivolto a tutti i giovani che studiano la musica popolare. L’argomento delle tesi deve riguardare la tradizione musicale salentina, il “movimento di riproposta” e la “Notte della Taranta”. Verranno selezionate quattro tesi per essere pubblicate da Squilibri Edizioni nel 2010.

Progetto nel progetto è la produzione di una mappa sonora della Grecìa Salentina che possa restituire, sotto forma di suoni, rumori, musiche, testimonianze audio, suggestioni sonore e altri elementi tipicamente acustici le caratteristiche storiche, artistiche e culturali del territorio, con particolare attenzione alle tradizioni popolari. Una sorta di “geografia orecchiabile” in cui le coordinate, i confini, e tutto ciò che contribuisce alla descrizione di un determinato territorio viene suggerito esclusivamente dai suoni.

La Grecìa sarà tracciata sotto forma acustica grazie alla realizzazione di documentari sonori al cui confezionamento e produzione saranno chiamati a partecipare studenti e giovani cittadini coinvolti nei workshop e in tutte le attività previste nel progetto.

Da giugno fino a dicembre 2009 si terranno sette workshop/seminari di approfondimento.

Il primo workshop si terrà a Sternatia: Filmare la musica e il territorio a cura di Paolo Pisanelli; a luglio il comune di Corigliano d’Otranto ospiterà La danza della pizzica-pizzica fra oblìo e rinnovamento, seminario a cura di Franca Tarantino e Anna Cinzia Villani; sempre a luglio ad Alessano si svolgerà Fonti sonore e fonti orali per lo studio delle musiche tradizionali: etnografia, rilevazione, documentazione e conservazione a cura di Maurizio Agamennone; in agosto a Melpignano si terrà Costruire un evento musicale, seminario di confronto fra diverse esperienze di festival musicali (Notte della Taranta, Mabel Med di Marsiglia, Mei di Faenza ecc), sempre a Melpignano il workshop a cura di Alessandro Portelli Le metodologie di ricerca con le fonti orali: l’esperienza del Circolo “Gianni Bosio”, si continua a Soleto con l’incontro di settembre La tradizione musicale poetica e musicale grica a cura di Brizio Montinaro. Si chiude in dicembre, a Cutrofiano, con il ciclo di seminari su: Esperienze editoriali e di ricerca sulla musica di tradizione in Puglia, Fonti letterarie della musica popolare salentina e Storia del “movimento della pizzica”.

In parallelo ai workshop/seminari i ragazzi selezionati potranno partecipare agli Incontri d’autore: stage con musicisti che nella loro carriera si sono cimentati con la rielaborazione creativa delle musiche tradizionali (tra gli altri Mauro Pagani, Luigi Cinque, Roberto De Simone).

Comitato scientifico: Sergio Blasi, sindaco di Melpignano; Sergio Torsello, responsabile scientifico dell’istituto Diego Carpitella e Vincenzo Santoro, Responsabile Ufficio Cultura Sport e Politiche Giovanili dell’Anci.

La web-tv della Taranta nella rete

La Taranta nella Rete potrà essere seguita su www.salentoweb.tv, la web tv salentina che ha attivato una sezione del sito interamente dedicata al progetto, dove sarà possibile visionare in streaming i video degli incontri, gli eventi, i workshop.

Società Cooperativa

Nessun commento ancora

Lascia un commento