Reggio Calabria – Calabresi.net, Pino Toscano e Nicola Gratteri premiati con il Preperoncino D’Oro nella serata conclusiva del Rosso Festival

Si è conclusa ieri sera, con la terza serata consecutiva, il "Rosso Festival", una manifestazione di Gala nel segno della moda, della danza, della musica e dell'enogastronomia organizzata  dall’Accademia del Peperoncino in sinergia con la Cooperativa Teatrale “Conosci te stesso”, l’associazione culturale “Luna Gialla” e il Circolo Culturale “Vivarium”. A far da cornice a questa prestigiosa manifestazione, l’incantevole Piazza Castello del capoluogo reggino, che ha accolto un nutrito pubblico molto caloroso. 

Attraverso una serie di esibizioni di moda, teatro, danza e musica, si è svolto, in una scenografia dai colori piccanti, l'evento cha ha saputo esprimere le qualità tecnico-artistiche curate per la serata finale dal circolo Culturale Vivarium e dal suo presidente Giovanna Nicolo' nelle vesti di direttore artistico.


Lasciandosi trasportare dalla bravura della presentatrice Eva Giumbo, la serata ha visto alternarsi una varietà di spettacoli cha hanno saputo coinvolegere ed entusiasmare tutti gli spettatori e gli ospiti d'onore che si sono avvicendati sul palco per la cerimonia di Gala. Infatti, nel vivo del Rosso Festival, è stato consegnato il "Peperoncino d'oro", un premio simbolico pensato per coloro che, «si spendono da anni al fine di promuovere la crescita della Calabria in campo professionale, culturale, artistico, sportivo»

I tre premiati sono stati il nostro Staff di Calabresi.net, hanno ritirato il premio Salvatore Tripaldi e Paolo Barbalace con la seguente motivazione «Per l'impegno e la dedizione con cui promuovono l'immagine della Calabria nel Mondo. Per mantenere vive le tradizioni della nostra terra, proiettata verso la modernizzazione», la premiazione è continuata con la consegna del premio al giornalista della Gazzetta del Sud, Pino Toscano e per concludere al magistrato della DIA, Nicola Gratteri. La serata ha riservato un riconoscimento alla memoria anche al grande artista calabrese Mino Reitano, il Peperoncino d'oro,  è stato ritirato dall'associazione culturale "Amici di Mino Reitano"

Il nostro staff nell'occasione si complimenta con gli organizzatori della manifestazione per il successo e la qualità espressa dal contenuto artistico e ci tiene ad esprimere un caloroso ringraziamento al Circolo Culturale Vivarium ed al presidente Giovanna Nicolò, cha ha considerato il nostro progetto, un candidato alla premiazione. Infine vogliamo manifestare una sincera gratitudine e dedicare questa premiazione ai numerosi collaboratori che contribuiscono a tenere alto il livello dei contenuti trattati da Calabresi.net.

Ecco le motivazioni che hanno spinto gli organizzatori a consegnare il il Peperonci d'oro ai soggetti premiati:


Premio Peperoncino d’Oro

1. a Calabresi.net,

Per l’impegno e la dedizione con cui promuovono l’immagine della Calabria nel mondo.
Per mantenere vive le tradizioni della nostra terra , proiettandola verso la
modernizzazione.

2. a Pino Toscano della Gazzetta del Sud
Al giornalista che, con il suo graffiante stile, fotografa la nostra vita mettendo a nudo la differenza tra scrivani di notizie e cronisti: la verità.
Per la sensibilità umana e la delicatezza nel raccontare tragedie non sempre descrivibili.
Per aver esercitato in una realtà difficile
la professione, scevro da poteri e da bandiere,
costituendo una guida ed un esempio per i giovani cronisti,
insegnando loro a rispettare i fatti,
andando alla ricerca della verità oltre le apparenze.

3. a Nicola Gratteri magistrato della Repubblica

Al magistrato tra i più capaci ed operativi d'Italia.
Per il suo impegno in prima linea nella lotta contro la 'ndrangheta.
Per aver difeso l’avvenire delle generazioni future sul piano economico, politico e culturale.
Per aver restituito la speranza di un cambiamento per questa terra martoriata ed abusata, ai giovani calabresi che hanno scelto di restare.

4. a Mino Reitano premio alla memoria
Al poeta del nostro tempo.
Per aver dato voce ai tanti emigranti calabresi.
Per essere stato ambasciatore della Calabria nel mondo.
Per l’umiltà con cui offriva il suo grande talento al pubblico.
Per aver celebrato la sua amata terra con la sua musica e i suoi testi.

Di seguito il video del servizio giornalistico, gentilmente concesso e realizzato dalla redazione dell'emittente televisiva ReggioTV:
{flvremote}http://files.calabresi.net/videos/rossofestival.flv{/flvremote}

Alcune fasi della manifestazione:

Nessun commento ancora

Lascia un commento