Potenziamento dell’ufficio tributi del Comune di Soriano Calabro

Nell’ultima seduta di giunta municipale sono state varate misure nell’ambito dell’Ufficio tributi per implementare l’attività di riscossione dei tributi a causa del notevole ritardo accumulato ed anche per far fronte alle reiterate segnalazione della Corte dei Conti in ordine all’ammontare dei residui attivi accumulati negli esercizi pregressi.Nel nostro ente le difficoltà di cassa e , conseguentemente , il verificarsi dell’esigenza di ricorrere ad anticipazioni di tesoreria per sopperire a tali lunghe carenze di disponibilità hanno assunto,da tempo, un carattere strutturale .

Due valori fra gli altri meritano di essere attenzionati:
- l’esistenza di procedimenti di esecuzione forzata ;
- il volume dei residui attivi di fine esercizio , per entrate proprie , sia provenienti dalla gestione di competenza che da quella dei residui , in misura consistente e , a volte , costantemente crescente.

In un quadro complessivo che analizzi le anomalie in tutti gli aspetti con i quali si possono presentare , congiuntamente o disgiuntamente , devono essere incluse deviazioni riscontrabili sia nelle procedure di programmazione , che di gestione e di rendicontazione delle entrate correnti proprie dell’ente , nella loro compiutezza. In sintesi può riscontrasi che:

1. le previsioni non sono pienamente attendibili e garantiscono il pareggio finanziario del bilancio solo formalmente;
2. le fasi gestionali dell’accertamento e della riscossione registrano remore e ritardi;
3. le valutazioni pre-consuntive in sede di accertamento degli equilibri di bilancio e successivamente , in sede di assestamento generale sono nulle o carenti;
4. l’attività , in sede di rendiconto , di revisione del mantenimento in tutto o in parte dei residui attivi , con eliminazione delle risorse inesegibili e dei crediti non riaccertati e di dubbia o difficile esigibilità e di accertamento documentato delle entrate di competenza è carente.

In sostanza l’ente ha prodotto negli anni bilanci in formale pareggio finanziario ed equilibrio economico e rendiconti solo formalmente in avanzo. Ma ha anche potuto dimensionare la spesa su livelli non compatibili con la reale capacità di acquisizione di risorse non realizzabili effettivamente.In presenza di condotte tanto deviate , gli effetti naturali fanno registrare quei fenomeni perversi che hanno originato il ragionamento , in termini di :
- entrate da riscuotere ( residui attivi) che scontano ritardi o che non saranno mai riscosse , in mancanza degli atti in forza dei quali si concretizza l’accertamento;
- flussi di cassa da risorse proprie , in entrata nella tesoreria , inferiori al programmato o tardivi;
- carenze di cassa continue.

Quanto più numerose sono le cause squilibranti e più pesanti gli effetti registrati , tanto più coraggiose, serie ,immediate e difficoltose dovranno essere le azioni per rimediare sia pure gradualmente col presente atto al fine di sviluppare interventi mirati ad assicurare la funzionalità dell’ufficio tributi comunale per l’espletamento delle procedure amministrative relative alla corretta gestione dell’ufficio in termini di efficienza e di efficacia , in relazione all’esigenza di realizzare una banca dati del contribuente ed una rivisitazione ed aggiornamento della normativa regolamentare e per tali attività indispensabili per assicurare la continuità dei servizi di istituto si è ritenuto conveniente l’attivazione di un’utilizzazione a tempo parziale di personale dipendente da altro ente affinché provveda nell'adeguamento della normativa regolamentare in materia di tributi locali che il competente ufficio ad oggi non ha predisposto , alla costituzione di una anagrafe del contribuente di cui ad oggi l'Ente non ne è provvisto e all'informatizzazione dei ruoli e delle liste di carico che ad oggi presentano molte lacune. Si tratta di adempimenti elementari ma essenziali per una corretta e puntuale riscossione e di cui ad oggi il Comune di Soriano Calabro non possiede e che non può più procrastinare. Con l'atto in esame la Giunta comunale ha inteso avviare un percorso di normalità ai fini di una sana gestione dell'Ente al fine di assicurare che la sua azione amministrativa sia conforme al principio del buon andamento così come sancito dalla Costituzione all'art. 92 e occorre ,pertanto , ricercare con attenzione le cause e sanare rigidamente , anche per gradi , ovviando a tutte quelle situazione che hanno portato in questi anni ad una situazione di dissesto economico-finanziario.

Il Sindaco
Arch. Francesco Paolo BARTONE

1 Comment

  1. luciano
    <strong>risposta all'azione amministraiva del sindaco di </strong><br />Salve, mi sembra plausibile che un sindaco cerchi di incrementare e garantire entrate tributarie alla cassa del proprio ente.<br />Però bisogna dare un sguardo alla situazione economica delle tasche dei singoli cittadini in difficoltà finanziaria in questo particolare momento ecconomico, deve comunque prevalere il motto - meno tasse ma per tutti non più tasse ma per pochi.

Lascia un commento