Presentazione del libro IMAGO CRUCIS di Francesco BARTONE e Mario PANARELLO

 Pasqua è una festa mobile nel tempo e nello spazio: tutta l’Italia offre lo spettacolo di migliaia di tradizioni popolari che spesso ruotano attorno a un fuoco: simbolo tutto pasquale di vita nuova.Nel corso dei secoli la commemorazione della morte e della resurrezione di Cristo ha assunto diversissime forme.Nel settecento alcuni gesuiti spagnoli arrivarono in Italia ,portando con sé la tradizione di celebrare il venerdì santo con cortei caratterizzati da rappresentazioni drammatiche, simili a quelle, assai visive del sud della Spagna.

[GARD]

Un generale particolare di processione è la via crucis , nella quale ci si sofferma in meditazione davanti alle quattordici stazioni che narrano gli episodi salienti della Passione. L’amministrazione comunale quest’anno nell’ambito delle diverse iniziative culturali ha organizzato la presentazione del libro IMAGO CRUCIS di Francesco BARTONE e Mario PANARELLO , che prende in esame la quadreria della via crucis della Chiesa Madre di Vazzano che artisticamente rappresenta un importantissimo episodio pittorico di ambito monteleonese fine XVIII sec.E l’aspetto tra arte e fede indispensabile per una lettura storica e sacra della via crucis.

A presentare il libro oltre ai due autori il direttore del Dipartimento di Filologia dell’Università della Calabria Vito TETI, il padre superiore del convento domenicano di Soriano Calabro Giuseppe DAMIGELLA nonché docente di teologia alla LUMSA di Palermo, don Nicola GRILLO e il vescovo emerito di Lamezia Terme SE mons. Vincenzo RIMEDIO.I lavori saranno moderati da Francesco LODUCA.
L’assessore alle politiche culturali Lina COSTA , promotrice dell’iniziativa, sottolinea che questo nuovo appuntamento culturale mira a far conoscere ai cittadini le bellezze e la storia del patrimonio locale e si inserisce in un solco iniziato in questi ultimi anni che ha registrato la presenza di studiosi e la narrazione di storie talvolta dimenticate.

L’assessore alle politiche culturali
Lina COSTA

Nessun commento ancora

Lascia un commento