CORSO DI AVVICINAMENTO ALLE TARANTELLE

A Milano è possibile seguire dei corsi di avvicinamento alle tarantelle: pizzica, tammurriata, tarantella sudaspromontana (fora u primu), presso il centro culturale e scuola di danza del Ventre MARINA NOUR. Il centro culturale nasce come scuola di danze mediorientali circa 12 anni fa, nel corso del tempo si è evoluto naturalmente verso una configurazione di cultura mediterranea, a partire dalle danze fino alle tradizioni, le lingue, il turismo e la gastronomia dei popoli fratelli del bacino del mediterraneo per una cultura di integrazione e di pace.

[GARD]

La tarantella
è una vasta famiglia di balli diffusi nell'Italia meridionale.
La maggior parte delle tarantelle hanno struttura aperta, i danzatori organizzano e ordinano liberamente movenze e figure coreografiche.
Nei secoli le occasioni di ballo sono state legate quasi sempre alle festività familiari, a quelle agresti e a quelle religiose.
Purtroppo con il dissolversi e trasformarsi della cultura contadina e pastorale si è perso l’uso di ballare le tarantelle e molto della tradizione di queste danze è andato perduto.
Alcune tarantelle ancora oggi vengono ballate da giovani e anziani nel Sud Italia ma anche in molte città del nord, sia per la presenza di immigrati o figli di immigrati alla ricerca delle proprie radici, sia grazie al crescente interesse verso le tradizioni italiane.
Nel corso ci avvicineremo a queste tarantelle:

la pizzica pizzica è una danza salentina, originalmente diffusa
anche oltre i confini del salento.
Viene ballata in coppia all'interno di una ronda, un cerchio fomato da spettatori, suonatori e ballerini in attesa del proprio turno di ballo. La coppia non necessariamente deve essere formata da individui di sesso opposto: spesso danzano insieme due donne.

la Tammurriata, chiamata anche ballo 'n coppa o tammurro,
è una danza di coppia campana.
I danzatori suonano le castagnette, strumenti tipici del sud italia simili alle nacchere, il cui utilizzo caratterizza la gestualità delle braccia e delle mani. Puo’ essere danzata da coppie miste o omogenee, e anch'essa eseguita all'interno di un cerchio di spettatori e suonatori (o' circhio). Viene danzata durante feste religiose perlopiu’ legate alle feste mariane (nel periodo di primavera).

fora u primu, è il ballo tipico della provincia di Reggio Calabria.

Prima della danza viene prescelto un capo carismatico (mastru d’abballu) che detta le entrate e le uscite dei danzatori all’interno della rota (simile alla ronda della pizzica e al circhio della tammurriata).
Anche questa è una danza che puo’ essere danzata da coppie miste o omogenee e assumere caratteristiche di corteggiamento (nel ballo uomo-donna) o di sfida (nel ballo uomo-uomo).
Nel corso Introdurremo lo stile sudaspromontano della valle del sant'agata in provincia di reggio calabria.

Per chi volesse approfondire l'argomento visitate il sito della scuola di danza:
http://www.danzaventre.com/altre-danze/tarantelle

Nessun commento ancora

Lascia un commento