“L’Incontro dei due Mondi: la Repubblica Dominicana incontra l’Italia”

12 ottobre 2010, ore 20:30, c/o Palazzina Liberty - Largo Marinai d’Italia n. 1 - Milano

Nell’ambito della seconda edizione del Mese della Cultura in Zona 4 (“La Cultura si fa … in 4”) è stato organizzato l’evento “L’Incontro dei due Mondi: la Repubblica Dominicana incontra l’Italia”, manifestazione interetnica, che raccoglie gruppi di immigrati dei paesi dell’America Latina presenti nel territorio della Regione Lombardia, con lo scopo di dare a tutti l'opportunità di uno sguardo sul mondo latinoamericano. Sarà anche l’occasione per rendere omaggio alla città di Santo Domingo, proclamata dall’UNESCO “Capitale Americana della Cultura 2010”.

[GARD]

L’iniziativa offre l'occasione ai tanti italiani e stranieri che parteciparanno di entrare in contatto con culture e tradizioni diverse, accumunate dal grande rispetto per la terra e l'ambiente, reali fonti di vita.

L'equilibrio mantenuto per secoli dai popoli dell’America Latina tra il minimo sfruttamento delle risorse naturali - al solo fine della propria alimentazione - e la salvaguardia dell'ambiente sono un grande insegnamento per la ns. civiltà contemporanea, da sviluppare ed approfondire. Un esempio concreto ed attuale in tal senso riguarda il progetto “CASABE”, modello di Expo 2015, realizzato dal Comune di Milano nella città di Santo Domingo Norte.

Con la tipica allegria caraibica, nella serata troveranno spazio momenti di musica e di ballo, che si alterneranno ad una sfilata di moda di abiti tipici caraibici, nonché alla presentazione di una mostra di pittura dominicana. L’evento è organizzato con l’Associazione Culturale “TAINA”.

Héctor Villanueva
Presidente CIRCLA
Via Domenico Veneziano, 6 - 20139 Milano – Italia
www.circla.org

Allegati: 
- UNESCO
- ONU
- LOCANDINA

La nuova ottica sull'immigrazione, vede gli immigrati, come: ..."soggetti di cooperazione tra gli obiettivi del Millenium Development Goals", ..."risorse indispensabili per la crescita del PIL nei loro paesi d'origine, .... grazie alle loro rimesse", ..."strumento essenziale per lo sviluppo sociale, culturale ed umano del paese che li ospita".
La strada è quella giusta per sperare in un futuro di convivenza pacifica tra nativi ed immigrati.
HECTOR VILLANUEVA

3 Comments

  1. <strong>un peruviano in Italia</strong><br />In Vaticano congresso mondiale per la pastorale dei migranti e dei rifugiati - “Un peruviano in Italia”<br /><br />In Vaticano congresso mondiale per la pastorale dei migranti e dei rifugiati<br />CITTA' DEL VATICANO - "La Chiesa invita i fedeli ad aprire il cuore ai migranti e alle loro famiglie, sapendo che essi non sono solo un 'problema' ma costituiscono una 'risorsa' da saper valorizzare opportunamente per il cammino dell'umanità e per il suo autentico sviluppo". E' quanto ha affermato papa Benedetto XVI rivolgendosi ai partecipanti al VI congresso mondiale per la pastorale dei migranti e dei rifugiati - in corso in Vaticano - ricevuti in udienza. Ricordando uno dei passaggi centrali della sua ultima enciclica 'Caritas in Veritate', in cui Ratzinger affermava che "il vero sviluppo è solo quello integrale", Benedetto XVI ha aggiunto che "lo sviluppo autentico riveste sempre un carattere solidale". "Ne consegue - ha quindi sottolineato - che occorre dare risposte adeguate ai grandi cambiamenti sociali in atto, avendo chiaro che non ci può essere uno sviluppo effettivo se non si favorisce l'incontro tra popoli, il dialogo tra culture e il rispetto delle legittime differenze".<br />"Occorre superare le paure che nascono dalle migrazioni viste come un'incognita, talvolta ridotta esclusivamente ad una questione di ordine pubblico da affrontare con la repressioné.<br />E' quanto ha affermato il presidente del Pontificio Consiglio della Pastorale dei migranti e gli itineranti, mons. Antonio Maria Veiò, aprendo questa mattina in Vaticano il VI Congresso mondiale della Pastorale per i migranti e i rifugiati. "Guardando al futuro - ha aggiunto -, si potrà probabilmente pensare a strumenti addizionali per provvedere alle lacune che emergono in un fenomeno umano in continua evoluzione e crescita o a una nuova convenzione internazionale che sintetizzi la normativa sui diritto e doveri dei migranti. Oggi - ha sottolineato il presule - tuttavia, appare sempre più importante puntare sulla integrazione, che non equivale a un processo di assimilazione". <br />''La solidarieta' e l'integrazione saranno piu' solide se da parte degli immigrati saranno adottati comportamenti che diano concreta dimostrazione della loro reale volonta' di osservare le leggi e le regole che governano il nostro paese che li ospita: rispetto della legalita', delle nostre tradizioni, della nostra cultura''. E' quanto ha affermato il presidente del Senato, Renato Schifani, intervenendo questa mattina in Vaticano al Vi congresso mondiale della Pastorale per i migranti e gli itineranti. ''Non possiamo e non dobbiamo - ha aggiunti Schifani - allontanare i nostri fratelli immigrati e rifugiati considerandoli un problema che lo Stato deve risolvere solamente sotto il profilo dell'ordine pubblico e della sicurezza'' ma, ha ribadito Schifani, il rispetto della legalita' ''e' un loro preciso dovere, un indispensabile presupposto per la civile convivenza, volano per un piena e totale integrazione''.<br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br /><br />Comunicato stampa : “Un peruviano in Italia” <br /> <br />L’Istituto Omnicomprensivo Statale di Oppido Mamertina (RC) in collaborazione con il Comitato Studentesco presenta il Convegno di importanza nazionale dal titolo “I diritti umani e la problematica dell’immigrazione – Un peruviano in Italia” che avrà luogo venerdì 28 gennaio a Oppido Mamertina (RC) presso il cine-teatro comunale alle ore 15:00.<br />La realizzazione del Convegno nasce dalla consapevolezza che l'immigrazione nel nostro paese è un fenomeno che, nonostante sia storicamente recente rispetto ad altre realtà europee, tende a diventare elemento stabile della nostra società.<br />L’evento di giorno 28 gennaio sarà preceduto da due momenti (giorno 27 e 28 mattina) riservati alla popolazione studentesca del Liceo Scientifico e dell’Istituto Tecnico Industriale per l'Informatica, entrambi scuole fiore all’occhiello della piana di Gioia Tauro per la serietà e qualità nella cura e preparazione degli studenti.<br />Gli obiettivi primari della giornate saranno quelli di orientamento e formazione sull'interculturalità, la sensibilizzazione, la condivisione di competenze e specificità.<br />Il Convegno, fortemente voluto dal dirigente scolastico dott.ssa Francesca Maria Morabito (in foto), guida capace ed instancabile dell’Istituto Omnicomprensivo, che con il proprio lavoro sta portando alla ribalta regionale e nazionale una delle migliori scuole del territorio reggino, prevede la partecipazione straordinaria di Hector David Villanueva Infante, Presidente di CIRCLA (www.circla.org), esperto nel campo dell’Immigrazione-Integrazione e della cooperazione Internazionale, presenza di fama internazionale che qualifica l’evento connotandolo con importanza nazionale con la specificità di essere dedicato principalmente agli studenti.<br />E’ previsto altresì l’intervento di Anna Foti, avvocato e giornalista, responsabile del gruppo di Reggio Calabria di Amnesty International e componente del coordinamento rifugiati della Sezione Italiana della stessa associazione. Introduce Nicola Iaria, rappresentante dell’istituto Scolastico nella Consulta Provinciale degli Studenti e conclude il Prof Valentino Scordino, brillante docente di Filosofia e Storia del Liceo Scientifico, ideatore di svariate iniziative scolastiche nel campo sociale.<br /> <br /> <br />Diritti umani e problematica immigrazione – “Un peruviano in Italia” <br /> <br />OPPIDO MAMERTINA - L'Istituto omnicomprensivo statale di Oppido Mamertina,<br />in collaborazione con il comitato studentesco, organizza un convegno su “I diritti umani e la problematica dell'immigrazione - Un peruviano in Italia” venerdì 28 gennaio presso il cine-teatro comunale. L'evento sarà preceduto da due momenti: nei giorni 27 e 28, riservati agli studenti del liceo Scientifico e del Tecnico Industriale per l'Informatica.<br /> <br />La realizzazione del convegno nasce dalla consapevolezza che l'immigrazione nel nostro<br />paese è un fenomeno che, nonostante sia storicamente recente rispetto ad altre realtà europee, tende a diventare elemento stabile della nostra società. Lo straniero che preme alle frontiere per condividere il nostrobenessere rappresenta una risorsa, ma pone anche nuovi problemi: come offrire diritti in cambio di doveri.<br /> <br />Gli obiettivi primari della giornate saranno quelli di orientamento e formazione sull'interculturalità, la sensibilizzazione, la condivisione di competenze e specificità.<br />Il convegno, fortemente voluto dal dirigente scolastico Francesca MariaMorabito, prevede la partecipazione straordinaria di Hector Villanueva, Presidente del CIRCLA (www.circla.org), esperto nel campo dell'immigrazione-integrazione e della cooperazione internazionale, presenza che qualifica l'evento connotandolo di importanza nazionale con la specificità di essere dedicato principalmente<br />agli studenti. E' previsto altresì l'interventodi AnnaFoti,avvocato e giornalista, responsabile del gruppo di ReggioCalabria di Amnesty International e componente del coordinamento rifugiati della sezione Italiana della stessa associazione.<br /> <br />Introduce Nicola Iaria, rappresentante dell'istituto scolastico nellaConsulta provinciale degli studenti e conclude il professore Valentino Scordino, docente di Filosofia e storia del liceo Scientifico, propulsore di svariate iniziative nel campo sociale.
  2. Ill.mo Signore,<br />abbiamo il piacere di invitarla alla manifestazione "Donne del Mondo: ricchezza dell’Umanita e di Expo Milano 2015"<br /><br /><br />Il Centro Culturale Cinese a Milano, il Consolato Generale della Repubblica Bolivariana di Venezuela a Milano e CIRCLA, organizzano L’ evento "Donne del Mondo: ricchezza dell’Umanità e di Expo Milano 2015", che si terrà il prossimo 8 Marzo, dalle ore 20:30, nel Centro Culturale Cinese a Milano, ubicato in Via Giovanni Verga, 5, Milano (Zona Sarpi/Arena).<br />http://temi.provincia.milano.it/donne/news/newst.php?news=18440<br /><br />Questa iniziativa si inserisce nelle attività commemorative del Giorno Internazionale della Donna promosse della Repubblica Bolivariana del venezuela in sinergia con l’istituzione e l’Associaioni di categoria che lavoranno con le comunità degli immigrati presenti nel territorio milanese.<br /><br />L'evento si avvarrà della partecipazione di cinque donne provenienti da vari continenti - Africa, Europa ed America latina -, che affronteranno diverse tematiche atte ad evidenziare il ruolo della donna ai giorni d'oggi.<br /><br />Confidiamo quella nostra iniziativa dara un contributo al processo di promozione dell'integrazione sociale, culturale e umana della donna in Italia, nel quale crediamo fermamente.<br /><br />Il territorio del Comune di Milano, raccoglie donne provenienti da ogni angolo del mondo, sarà anunque una opportunità di trovare dei momento di dialogo e di confronto. E’ una opportunità per conoscere meglio la importante comunità cinese, che in questa iniziativa e parte del’organizzazione dell’iniziativa e apre le sue porte per trovare un dialogo interculturale con la società italiana.<br /><br />in attesa di un suo gradito riscontro inviamo cordiali saluti.<br /><br /><br />HèctorDavid Villanueva<br />CIRCLA - Centro di Integrazione permanente di Rappresentanza della Comunità Latino-Americana<br />www.circla.org<br />Via Domenico Veneziano, 6 - 20139<br />Tel : 0039 338 3414438<br />Milano - Italia<br />e-mail : hectorvillanueva@libero.it<br /><br />DIALOGO INTERCULTURALE, STRUMENTO DI PACE ED INTEGRAZIONE"<br />La sfida di oggi è passare da una società multiculturale a una interculturale,dove le identità culturali, etniche, religiose e sociali non entrino inconflitto, ma creino la convivialità delle differenze. Solo superando i punti di vista egocentrici e soggettivi, il pregiudizio e lo stereotipo, può diffondersi una sanaconvivenza umana, basata sull’accoglienza, il rispetto e la condivisione.<br />HèctorDavid Villanueva
  3. CIRCLA
    <strong>1st International Fraternal Meeting of Civilizations’</strong><br />L’associazione ‘Progetto Nuova Civiltà’ organizza ’1st International Fraternal Meeting of Civilizations’<br /><br />Avrà luogo il 6-7-8 maggio 2011 alla Fiera di Pesaro, il “1st InternationalFraternal Meeting of Civilizations” che ha per tema “Ricchezza dell’umanità’: popoli, etnie, culture e religioni”. La manifestazione è organizzata dall’Associazione No Profit “Progetto Nuova Civiltà” ed è patrocinata dall’Assemblea Legislativa delle Marche, dalla Provincia di Pesaro e Urbino e dal Comune di Pesaro.<br /><br />Oggi la società è sempre più multietnica, multiculturale, multireligiosa e questo “Fraternal Meeting” intende favorire la conoscenza reciproca tra persone appartenenti alle molteplici realtà. Dall’incontro diretto, all’insegna della fraternità, non possono che scaturire buoni frutti, quali l’apprezzamento dei reciproci valori, il dialogo, la condivisione e la collaborazione in vista del futuro dell’umanità. Il Meeting è a carattere popolare e si svolgerà in un clima fraterno e gioioso. Vi parteciperanno Gruppi Etnici, Gruppi Musicali, Associazioni Umanitarie e Responsabili di Congregazioni religiose. Interverranno Relatori esperti nelle varie tematiche, per offrire linee di riflessione efficaci per affrontare la complessa problematica dei rapporti interculturali e il dialogo interreligioso, quali il Prof. Stefano Allievi, Docente di Sociologia delle Religioni all’Università degli Studi di Padova, che ha pubblicato di recente il libro “La Guerra delle Moschee” e la Prof. Katia Migliori, Docente di Retorica presso l’Università di Urbino e il Dr. David Monticelli, antropologo, autore del libro “Fissano il sole” sui nativi Americani. Inoltre vi parteciperà il Dr. Hèctor David Villanueva, esperto nel campo dell’Immigrazione-Integrazione e della Cooperazione Internazionale, presidente de CIRCLA http://www.circla.org.<br /><br />Porteranno il loro valido contributo relatori che sono impegnati nel dialogo interreligioso quali la Dott.ssa Gabriella Lavorgna, Presidente dell’Associazione Mandir della Pace e il Dr. Giovanni Sarubbi, Direttore della Rivista Online “Il Dialogo”. Vi prendono parte rappresentanti delle Confessioni Cristiane e delle Organizzazioni religiose presenti in Italia, quali Padre Ottavio Raimondo, Missionario Comboniano; la Dott.ssa Laura Mulayka Enriello, Presidente dell’Accademia I.S.A. (Interreligious 2 Studies Academy) e responsabile per l’educazione della CO.RE.IS. (Comunità Religiosa Islamica) Italiana; il Dr. Guido Morisco, Direttore dell’Ufficio Relazioni Esterne del “Direttivo Nazionale Baha’i”. Alle due serate, il Festival Etnico e il Concerto dei Popoli, parteciperanno Artisti Etnici, cantanti e complessi musicali tra cui Roberto Bignoli, prestigioso rappresentante di “Christian Music”, i Gruppi Musicali “Kerigma” e “Nuova Civiltà” e ci sarà la partecipazione straordinaria dell’attore e regista Enzo De Caro che leggerà brani dei Nativi d’America.<br /><br />E’ possibile prendere visione del Dépliant del Meeting, ed eventualmente scaricarlo, andando direttamente alla pagina del Sito dell’Associazione Progetto Nuova Civiltà: http://www.progettonuovacivilta.org. Per una via ancora più rapida, cliccando sull’indirizzo sottostante si va alla pagina che contiene il Dépliant del “Fraternal Meeting” da sfogliare con un sorprendente effetto realistico:http://www.progettonuovacivilta.org/Default.aspx?pageid=page33.<br /><br />da Associazione Progetto Nuova Civiltà<br />http://www.progettonuovaciviltà.org

Lascia un commento