S. Ilario dello Ionio (RC), intitolata strada ai “Maestri del Lavoro”

Si è svolta sabato scorso, alla presenza di rappresentanti istituzionali, religiosi e militari, la cerimonia di intitolazione del nuovo viale della Marina di S. Ilario dello Ionio ai Maestri del Lavoro d’Italia.
Il procedimento per l’intitolazione, avviato su impulso dell’associazione “Mollica nel mondo”, ha trovato pieno espletamento grazie al sindaco Pasquale Brizzi, che si è adoperato, insieme ad assessori e consiglieri, affinché l’idea prendesse forma concreta dando il nome a una nuova importante arteria stradale della cittadina ionica.

[GARD]

«L’amministrazione ha ampiamente condiviso questa iniziativa per dare lustro a tutti coloro che sono stati insigniti con una medaglia al merito per essersi distinti con particolari doti di laboriosità, diligenza e onestà nel corso della loro attività lavorativa – ha detto l’assessore Antonio Costanzo, delegato dal sindaco Brizzi (fuori sede per motivi di famiglia) a rappresentarlo – I Maestri del Lavoro, decorati con stella al merito del lavoro, su decreto del presidente della Repubblica, con la loro rettitudine e dedizione al lavoro sono da esempio per le generazioni future. Ci auguriamo quindi che questa via a loro intitolata posa vedere passare sviluppo e prosperità per il domani. Non vogliamo poi dimenticare quanti lavorano con altrettanto senso civico nel silenzio, pur non avendo questa ufficialità, e che meritano di essere individuati ed esaltati, come giustamente avviene in questa meritoria associazione».
Per il comune di S. Ilario dello Ionio, c’erano pure l’assessore Leonardo Codispoti e l’assessore Mario Chiricosta. Presente anche il comandante della stazione dei Carabinieri di S. Ilario, maresciallo Romano.
Folta la rappresentanza dei Maestri del Lavoro giunti da ogni luogo della Calabria, guidati dal vice console regionale (nonché console provinciale di Reggio Calabria) Mario Martino. Con lui il console provinciale di Crotone Giuseppe Mario Lombardo, il console provinciale di Catanzaro Francesco Saverio Capria, le vice Bianca Mauro e Italia Procopio, la tesoriera Sarina Idà, i rappresentanti del consiglio di Crotone Giuseppe Crea, Giuseppe Cotroneo e Conforto Crea, e il responsabile ufficio stampa Nicola Morabito.
«Ringrazio sentitamente, anche a nome del console regionale Pasquale Scalise, il sindaco Brizzi e tutta l’amministrazione comunale, per aver voluto l’intitolazione di una via cittadina ai Maestri del Lavoro d’Italia, e il maestro Antonio Mollica per aver dato avvio all’iniziativa – ha detto il vice console regionale Martino, che ha pure letto un messaggio di augurio del presidente nazionale Gianluigi Diamantini - Questo momento, nella sua semplicità racchiude significati e valori meritevoli di essere indicati come punti di riferimento di società sana. Il nostro compito è di essere da esempio e incitamento per ogni cittadino nella sua attività lavorativa».
Particolarmente emozionato il Maestro del Lavoro Antonio Mollica: «Questo momento mi rende felice perché ci tenevo moltissimo che si concretizzasse un’iniziativa tanto importante proprio sul territorio dove sono nato e dove vivo – ha detto – I Maestri del Lavoro, come è stato più volte sottolineato, rappresentano un nobile esempio di attaccamento al lavoro e l’intitolazione di una strada è un importante modo di rendere omaggio a tutto ciò. Voglio quindi ringraziare il sindaco Pasquale Brizzi che ha reso possibile tutto questo, accogliendo la nostra istanza e dandogli seguito fino a questa cerimonia».
Dopo il taglio del nastro e l’esecuzione dell’inno di Mameli, l’assessore Costanzo e il vice console Martino hanno scoperto la targa che è poi stata benedetta dal parroco di S. Ilario, padre Alessio.

Nessun commento ancora

Lascia un commento