ME TENGO RECORDA’ CHE SCI’ RENATA

Testo poetico in vernacolo abruzzese (con relativa traduzione), lo spartito musicale del componimento aquilano "ME TENGO RECORDA' CHE SCI' RENATA" ispirato alla città "dilaniata dal sisma" del 2009, con l'augurio che "L'Aquila possa presto rinascere e tornare a volare". E' il primo canto abruzzese composto per la città devastata dal terremoto.

[GARD]

Questo canto struggente, ma anche pieno di speranza, è dedicato alle vittime del terremoto e alla città dilaniata dal recente sisma abruzzese.

Titolo del componimento: "Me tengo recorda' che sci' renata"
La musica è stata composta dal M° Camillo Berardi
I versi sono della poetessa Giuliana Cicchetti Navarra

 ME TENGO RECORDA’ CHE SCI’ RENATA
Versi di Giuliana CICCHETTI NAVARRA Musica di CAMILLO BERARDI

L’Aquila a pezzi, tu, ‘na notte nera,
pare ‘nu sognu ma ‘ssa bbotta è vera
tutt’ è ruinatu ma tu sci’ la storia
‘na paggina da scrie pe’ lla memoria.
Chi s’è sarvatu mo’ te’ tanti strazzi
tra lle macerie ‘e chiese e de palazzi
la ggente che qua e là sta sbriricata
non vone cchiù vedette renfasciata!

Ju sole ch’è rrescitu mantoma’
m’ha fattu recorda’ com’eri bbella
ce vo’ ju tempu non sarrà ddoma’
ma tinghi rebbrilla’ come ‘na stella!
 

Non scroscia l’acqua cchiù da lle fundane
non sento de sonane le campane,
ju strusciu, ji quatrani e la cagnara
svejamme vojo da ‘sta notte amara.
Mo’ cchiù de prima ji’ te vojo bbene
fatte spari’ vurria tutte le pene
firita tu sarrài remarginata
me tengo recorda’ che sci’ renata!

DEVO RICORDARMI LA TUA RINASCITA
(canto ispirato alla città dell’Aquila devastata dal sisma del 2009: traduzione in lingua)

Versi di Giuliana CICCHETTI NAVARRA
Musica di Camillo BERARDI

L’Aquila a pezzi, tu, una notte tragica,
sembra un sogno ma questa mazzata è vera
tutto è rovinato ma tu sei la storia
una pagina da scrivere per la memoria.
Chi si è salvato, ora ha tanti strazi
tra le macerie di chiese e di palazzi
la gente che sta qua e là sbandata e sparpagliata
non vuole più vederti ingabbiata e puntellata!

Il sole che è riuscito questa mattina
mi ha fatto ricordare quanto eri bella
ci vuole tempo, non sarà domani,
ma devi tornare a brillare come una stella.

L’acqua non scroscia più dalle fontane
non sento più suonare le campane,
il passeggiare, i ragazzi e la baldoria
voglio svegliarmi da questa notte amara.
Ora più di prima io ti voglio bene
vorrei farti sparire tutte le pene
tu ferita sarai rimarginata
devo ricordarmi la tua rinascita!




Nessun commento ancora

Lascia un commento