Chi esalta un criminale è anche lui un criminale

 I rappresentanti del Governo, con in testa il presidente di questa repubblica, il giorno 17 marzo hanno attribuito gli onori ai garibaldini ungheresi in occasione del 150° anniversario della annessione al Piemonte degli altri Stati della penisola italiana. E’ davvero una enorme offesa ai napolitani ed è una cosa vergognosa far finta di non sapere cosa hanno fatto questi criminali nella Napolitania.

[GARD]

Ecco in una rapida sintesi gli episodi più significativi:

Nel 1859 si rifugiano a Torino i massoni ungheresi Gyorgy Klapka, Jhasz, Alessandro Teleki, Stefano Türr e anche Eber, Erbhardt, Tukery, Teloky, Magyarody, Figgelmesy, Czudafy, Frigyesy e Winklen con un folto gruppo di ungheresi, circa 3.000 che costituiscono una legione poi utilizzata dai Savoja per l’invasione delle Due Sicilie colla spedizione garibaldesca. Tra gli episodi più rilevanti sono da ricordare:

Il 26 settembre 1860, il Garibaldi invia il gruppo dell’ungherese Türr formato da 1.500 armati ad assalire Ariano Irpino sguarnita di soldati napolitani. Gli ungheresi, massacrato un centinaio di abitanti, saccheggiano la cittadina e ne incendiano le case.

Il 9 luglio 1861, un gruppo di 500partigiani napoletani comandato dal La Gala costringe le truppe piemontesi a sgomberare dal beneventano, ma due colonne formate da 200 mercenari ungheresi, dotati di quattro cannoni rigati, un battaglione piemontese e 800 guardie nazionali assaltano nuovamente Montefalcione. La cittadina è circondata e dopo un’accanita resistenza è presa, saccheggiata e data alle fiamme. Sono assassinati oltre 150 abitanti, altre centinaia sono deportati. Il maggiore ungherese Girczy, comandante del reparto, è decorato con la croce di cavaliere dell’ordine militare di Savoja e la medaglia di bronzo al valor militare. A quattro ufficiali piemontesi è data la medaglia d’argento.

L’11 luglio 1861 le truppe ungheresi sono inviate a Lapio, Montemiletto e Montefusco: anche qui fanno uccisioni, saccheggi e incendi. Numerosi abitanti riescono a salvarsi con la fuga verso le vicine montagne. A Volturara impiccano un popolano lo lasciano appeso per molti giorni nella piazza del paese per ammonimento.

Il 4 agosto 1861 ad Auletta, per sedare la rivolta, gli ungheresi uccidono 45 persone, tra le quali quattro sacerdoti, seviziati con coltelli. Altri 100 sono deportati nelle carceri di Salerno. Il paese è saccheggiato e dato alle fiamme.

All'alba del 14 agosto 1861, gli ungheresi partecipano alla strage di Pontelandolfo. Con i bersaglieri piemontesi, fucilano chiunque capiti a tiro: preti, uomini, donne, bambini. Le case sono saccheggiate e tutto il paese dato alle fiamme e raso al suolo. Particolarmente feroci sono le truppe ungheresi che compiono vere e proprie atrocità.

Grazie per l'attenzione, cordiali saluti

Antonio Pagano

Nessun commento ancora

Lascia un commento