26 e 27 dicembre appuntamento da non perdere con il CONCERTO DI NATALE a MORANO CALABRO

È il secondo appuntamento della rassegna TEATROMUSICA all’Auditorium Comunale
MORANO CALABRO - Il giorno di Santo Stefano appuntamento da non perdere all’Auditorium comunale con il tradizionale Concerto di Natale del Coro Polifonico e dell’Orchestra di fiati di Morano.

  Con inizio a partire dalle ore 20,00, un ensemble con più di cento elementi, con le voci soliste di Francesca Senatore e Francesco Laitano, diretti dal M° Massimo Celiberto, saranno i protagonisti di un appuntamento che, dopo il successo delle passate edizioni, è diventato un classico delle festività natalizie moranesi. La serata, presentata da Emilia Zicari, è un viaggio nel tempo attraverso brani colti e popolari, per evocare la magia del Natale in un concerto che riesce sempre a emozionare chi lo ascolta. In scaletta i più famosi brani classici dedicati al Natale, affiancati dall’esecuzione di celebri canti popolari (Silent night, Oh Holy Night, Jingle bells, We wish you a merry Christmas) e da intramontabili canzoni d’autore dal repertorio di Roberto Vecchioni, Nomadi, Renato Zero e Amedeo Minghi (con il brano “Un uomo venuto da molto lontano”, dedicato a Giovanni Paolo II). La replica del Concerto è prevista per martedì 27 dicembre sempre alle 20,00. I biglietti si possono acquistare presso “Au Rendez Vous” in via Maddalena a Morano. Si tratta del secondo appuntamento (fuori abbonamento) in cartellone dell’undicesima stagione di Teatromusica, organizzata dalla compagnia moranese l’Allegra Ribalta, di cui è presidente Massimo Celiberto, sotto la direzione di Franco Guaragna presidente provinciale della Federazione Italiana Teatro Amatori, con il patrocinio del Comune - Assessorato alla cultura, della Provincia di Cosenza, della F.I.T.A. e dell’Orchestra di Fiati di Morano. TeatroMusica propone anche questo’anno un ricco cartellone, con ben sedici spettacoli fra teatro e musica, che mirano a soddisfare ogni tipo di pubblico.

 TEATROMUSICA

Nessun commento ancora

Lascia un commento