Archivi categoria : La letteratura e la poesia

Poesia: ‘A HESTA DI’ MORTI – di Gregorino Capano

‘A HESTA DI’ MORTI Arriva novembre e, ntri primi jorni, trovamo ‘a hesta di’ morti nostri, pe’ tutti ‘i castagni sugnu boni puru pe’ cchidri chi on zugnu ccà. E’ usanza ari pajìsi nostri ricordàra i cari nostri morti per ‘a hesta loru supa ogni tomba li’ portamu ‘nu saccu o ‘nu panàru ‘e castagni…
Per saperne di più

Poesia: “DONNU PETRU CAPANU”

DONNU PETRU CAPANU E Sanzosti era l’amicu, chi ssapìa hàra ‘u ntricu era nu’ prèvati joculànu, donnu Petru de’ Capanu Donna Giulia chi ffacisti ! U ti parti de Stajanu u li hài a cammarèdra a donnu Petru de Capanu ? (altro…)
Per saperne di più

Poesia: “HATTI MEMORANDI” di Gregorino Capano

HATTI MEMORANDI Ognunu e nui ava tanti perzuni chi lli restaru mpressi, a generazzioni mia si pota ricordara u Mutu da’ Misericordi ‘e Cicu ‘e Davuli, perzùni davulisi chi vvìvunu ancora cu’ nnui, a Sanzòsti i vidìamu spessu e quindi i mpajisàmma. Quanti pignati chjni e simiragghj ‘e ffigurèdri portava, quandu a sira sinda jìa,…
Per saperne di più

Calabresella mia

di Domenico Caruso Il canto tradizionale che segue, nell'antica versione di S. Martino di Taurianova (Reggio Cal.), non ha bisogno di commenti. Ci limitiamo a fornire una semplice traduzione per quanti non conoscono il nostro dialetto. I sentimenti espressi sono puri ed i versi si rivelano sinceri come i cuori dei giovani da cui scaturiscono.…
Per saperne di più

Poesia: ‘U barveri’

di Domenico Caruso Fra li misteri chi ’nci su’ a lu mundu di certu è preferitu lu barveri: li sordi chi guadagna onestamenti su’ beniditti puru di’ mugghjeri. Sutta la manu soi pàssanu a turnu pìcciuli e randi, ricchi e povaredi: pe’ la barva, lu sciampu e li capidi vannu o’ saloni mu si fannu…
Per saperne di più

Poesia: Padre Celeste

Padre Celeste che dovunque regni, glorificato il dolce nome sia; l’amore per il prossimo c’insegni, Luce di verità, sicura via. A compimento porta i nostri impegni se del Vangelo seguono la scia: così potremo un dì essere degni di tanto sospirata compagnia. (altro…)
Per saperne di più

Poesia: “A Padre Pio”

Padre che del Gargano resti un sole, accogli questa supplica sincera, non c’è bisogno di molte parole perché procacci a me la gioia vera. E mi giunge un profumo di viole mentre rivolgo l’umile preghiera: ancora esorti a seguir chi vuole la via del Vangelo veritiera. Tu che d’ardor serafico colmasti l’intera vita afflitta dal…
Per saperne di più

Calabrisi jeu sugnu

Dopo mezzo secolo, confermo il mio orgoglio di essere calabrese: sono tenace nel lavoro ed esprimo con il canto la gioia e il dolore. Non temo alcunché, ma non sopporto il tradimento. Ho la triste fama di essere malandrino, pur comportandomi da vero gentiluomo. Che cosa non farei per la grandezza della mia Terra? (Domenico…
Per saperne di più

Poesia: L’addio dell’emigrante

E’ giunta l’ora di dover partire da te, diletto, semplice paese: è tanto lancinante il mio soffrire che voglio un poco renderlo palese. Addio, chiesa amata; San Martino e Tu Colomba Vergine Maria nel cor per sempre avrete un posticino perché facciate luce alla mia via! Ritornerà l’autunno, il nuovo vino, la festa novembrina del…
Per saperne di più

Poesia “A Reggio”

Un' Omaggio a Reggio Calabria ed alla Calabria intera Reggio, che fosti fatta per colpire gli occhi, per far tremare il cuore, la posizione tua, bellissima, fra mare e cielo, che diventa colpa, sia segno invece della forza divina, che regalò soavi tinte a soave terra, mai ricambiata dalle tue umane presenze legate alle parti.…
Per saperne di più